fbpx
CAMBIA LINGUA

Cremona: i Carabinieri della Sezione Radiomobile hanno controllato e denunciato una donna per la violazione del divieto di ritorno nel capoluogo

Infatti, alla donna era stato notificato il foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel capoluogo per quattro anni, notificato alcuni giorni fa.

Cremona: i Carabinieri della Sezione Radiomobile hanno controllato e denunciato una donna per la violazione del divieto di ritorno nel capoluogo.

I Carabinieri della Sezione Radiomobile di Cremona hanno denunciato per inosservanza del divieto di ritorno nel comune di Cremona una donna di 28 anni, con precedenti di polizia a carico. La mattina del 2 febbraio, verso le 12.30, alcuni cittadini hanno segnalato alla Centrale Operativa dei Carabinieri di Cremona la presenza di una donna molto agitata e nervosa nel piazzale della stazione ferroviaria.

E qui, alcuni testimoni hanno riferito ai militari che la donna aveva iniziato a creare problemi su un treno, urlando e inveendo contro gli altri passeggeri.

Quindi, è stata bloccata e controllata, ma la donna non ha smesso di creare problemi perché, continuando a urlare contro tutti i presenti, ha iniziato a spogliarsi alla presenza dei Carabinieri. Per tale motivo, i militari l’hanno fatta sedere sull’auto di servizio e hanno effettuato le verifiche del caso, accertando che non poteva trovarsi nel capoluogo a seguito di una misura di prevenzione emessa nei suoi confronti dal Questore di Cremona.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Infatti, alla donna era stato notificato il foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel capoluogo per quattro anni, notificato alcuni giorni fa.

Per questo motivo, è stata accompagnata in caserma e, tenuto conto che non ha rispettato le prescrizioni imposte e non ha giustificato in modo valido la sua presenza sul posto, è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria.

Cremona: i Carabinieri della Sezione Radiomobile hanno controllato e denunciato una donna per la violazione del divieto di ritorno nel capoluogo.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×