fbpx
CAMBIA LINGUA

13enne violentata da 7 egiziani nei bagni della villa comunale a Catania

13enne violentata da 7 egiziani nei bagni della villa comunale a Catania.

Una tredicenne è stata violentata nei giardini comunali della Villa Bellini di Catania da sette persone. Secondo quanto si è appreso le Procure distrettuale e dei minorenni hanno già disposto e fatto eseguire dai Carabinieri il fermo dei sette sospettati. La ragazzina sarebbe stata violentata da due degli indagati mentre gli altri assistevano allo stupro. La tredicenne era con il fidanzatino che è stato minacciato, bloccato e tenuto lontano.

A far avviare le indagini dei Carabinieri sono stati i due fidanzatini dopo aver denunciato quanto accaduto. Le due Procure, distrettuali e per i minorenni, di Catania contestano agli indagati la violenza di gruppo aggravata nei confronti di una ragazzina che ha meno di 14 anni.

All’identificazione del gruppo si è giunti proprio grazie alla testimonianza della vittima e del fidanzato e agli accertamenti svolti, gli abusi sarebbero stati commessi la sera dello scorso 30 gennaio, nei bagni del Giardino comunale della Villa Bellini.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Il “branco” avrebbe minacciato i due fidanzatini, lei 13enne e lui 17enne, minacciando e bloccando lui e violentando la 13 enne.

Sul caso è intervenuto il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, che espresso vicinanza alla vittima: “Oggi c’è stata un’altra giovanissima vittima di violenza sessuale – ha detto il Premier – voglio dirlo per esprimere la mia solidarietà a lei e alla sua famiglia, al fidanzato, per dirle che lo Stato ci sarà e che lo Stato garantirà che sarà fatta giustizia”.

13enne violentata da 7 egiziani nei bagni della villa comunale a Catania.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×