Crema, tre minorenni fermati per estorsione ai danni di un coetaneo

Crema (Cremona), nella mattinata di ieri questo Commissariato di Pubblica Sicurezza ha dato esecuzione alla misura cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale per i Minorenni di Brescia, della permanenza in casa con il divieto di comunicare con persone diverse da quelle con lui conviventi, nei confronti di un cittadino italiano di origine egiziana di anni 16 residente a Crema, per i reati di: tentata estorsione e ricettazione.
La vicenda traeva origine da un fatto avvenuto nel maggio del c.a. momento in cui si presentava presso questi Uffici un ragazzo italiano di anni 16, visibilmente agitato e spaventato, riferendo che ignoti gli avevano asportato dapprima la bicicletta e successivamente il cellulare.
Il minore per tornarne in possesso avrebbe dovuto consegnare agli autori del reato una somma di denaro in un luogo isolato della città in tarda sera.
All’incontro si presentava il predetto indagato che si trovava in compagnia di altri due soggetti e precisamente: un cittadino marocchino di anni 15 e un italiano di anni 17, entrambi dimoranti a Crema, che dopo aver ricevuto dalla vittima il denaro pattuito gli consegnavano solo la scheda SIM del telefonino, chiedendo altro denaro.
A questo punto personale del Commissariato, appostato in abiti borghesi nelle vicinanze, interveniva e bloccava i soggetti coinvolti.
Le successive perquisizioni nelle abitazione dei tre minori portavano al rinvenimento della bicicletta e del cellulare della persona offesa che venivano restituiti a quest’ultima.
I tre, vista la minore età, sono stati indagati da questo Ufficio alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brescia, in stato di libertà per i reati di: tentata estorsione e ricettazione.
Il GIP del Tribunale dei Minorenni di Brescia, su richiesta del P.M. dott.ssa Lara GHIRARDI dell’omologa Procura, che condivideva le risultanze investigative del Commissariato, emetteva nei confronti del sopracitato italiano di origini egiziane la misura cautelare in argomento, ritenendolo il personaggio “centrale” della vicenda delittuosa predetta.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...