Como, presa baby gang responsabile di numerose rapine soprattutto verso coetanei

Como, nella mattinata odierna, la Polizia di Stato di Como ha eseguito n. 4 ordinanze di applicazione della misura cautelare del collocamento in Comunità, emesse dal Giudice delle Indagini Preliminari presso il Tribunale per i minorenni di Milano, su richiesta
della Procura minorile guidata dal Procuratore Ciro Cascone, nei confronti di tre minori, responsabili di rapine in danno di minori.
Tutti reati commessi in centro a Como.
In particolare, nel dicembre scorso, il gruppo, di origine marocchina e tunisina, all’epoca dei fatti tutti minorenni, ma già con specifici precedenti di polizia, aveva commesso rapine in danno di altri coetanei.
Operavano sempre con la stessa dinamica: uno di loro, infatti, avvicinava le vittime con fare amichevole, spingendoli verso vicoli poco frequentati dove si nascondeva il resto della banda che, all’improvviso, piombava addosso ai poveri mal capitati i quali, subendo minacce e violenza, venivano costretti a consegnare somme di denaro e, soprattutto, i loro giubbotti di marca, rimanendo sottoposti al freddo delle serate invernali comasche.
Subito dopo le rapine, gli uomini della Squadra Mobile, sia della 2^ Sezione “Reati contro la persona”, sia della 3^ Sezione “Reati contro il patrimonio”, raccoglievano diverse testimonianze sugli eventi criminosi e, dopo accurate e rapide investigazioni, producevano gli atti alla Procura presso il Tribunale per i minorenni di Milano che dirigeva le indagini e che poi, riunendo il
tutto, richiedeva al G.I.P. dello stesso Tribunale l’emissione delle tre ordinanze cautelari nei confronti degli indagati. Richiesta, poi, ritenuta fondata sulla base dei gravi indizi di colpevolezza.
Nel corso dell’esecuzione, svolti gli adempimenti di rito, gli uomini della Squadra Mobile accompagnavano i destinatari delle misure presso le Comunità.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...