fbpx
CAMBIA LINGUA

Como, gli viene revocato il permesso di soggiorno dopo la condanna: espulso, la Polizia di Stato lo accompagna a Manila, nelle Filippine

Sono già 25, dall'inizio dell'anno, gli accompagnamenti alla frontiera eseguiti dalla Questura di Como.

Como, gli viene revocato il permesso di soggiorno dopo la condanna: espulso, la Polizia di Stato lo accompagna a Manila, nelle Filippine.

Nella giornata di giovedì 21 marzo la Polizia di Stato ha eseguito un provvedimento di espulsione del Prefetto a carico di un cittadino filippino di 44 anni residente a Como, mediante il suo immediato rimpatrio nel Pese d’origine.

Allo straniero, in Italia dal 2010, l’Ufficio Immigrazione della Questura di Como ha revocato il permesso di soggiorno a seguito di una condanna a 2 anni e quattro mesi di reclusione per il reato di maltrattamenti in famiglia perpetrati ai danni della moglie, dal 2010 al 2021.

Nel dettaglio, in più occasioni, lo straniero, sotto l’effetto di shaboo – potentissima anfetamina in grado, con una singola dose, di provocare effetti fino a 10 volte superiori a quelli della cocaina – minacciava, percuoteva e cagionava lesioni, talvolta utilizzando coltelli da cucina, la propria moglie e in presenza dei figli minori. In un’occasione, poi, la costringeva a un rapporto sessuale.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Preso atto della condanna, e istruita la pratica di revoca del permesso di soggiorno da parte degli operatori dell’Ufficio Immigrazione, lo straniero è stato espulso dal territorio nazionale e accompagnato coattivamente dai poliziotti della Questura di Como a Manila (Filippine).

Sono già 25, dall’inizio dell’anno, gli accompagnamenti alla frontiera eseguiti dalla Questura di Como.

Como, gli viene revocato il permesso di soggiorno dopo la condanna: espulso, la Polizia di Stato lo accompagna a Manila, nelle Filippine.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×