Cagliari, avvia tre centri medici non autorizzati: denunciato

Resoconto dell'attività dei NAS

Cagliari, avvia tre centri medici non autorizzati: denunciato.

I Carabinieri del N.A.S. di Cagliari,  all’esito di ispezioni e accertamenti condotti nei giorni scorsi, hanno segnalato alla Procura della  Repubblica presso il Tribunale di Cagliari un imprenditore del cagliaritano per avere aperto al  pubblico 3 ambulatori diagnostici, con annesso centro prelievi ematici, in assenza di  autorizzazione.

Le aperture abusive

L’imprenditore, aggirando le norme a tutela della salute pubblica, aveva avviato ambulatori  polispecialistici a San Sperate, Capoterra e Sestu, solo apparentemente indipendenti fra loro, ma  gestiti dallo stesso indagato, dietro la parvenza di semplici ambulatori infermieristici.

Di fatto i  militari del NAS sardo hanno accertato l’esistenza di attività medico-diagnostiche e specialistiche,  con l’intervento di sanitari e infermieri che, nella libera professione, eseguivano esami di ecografia,  risonanza magnetica nucleare, elettrocardiogrammi, nonché prelievi di sangue al servizio di un  laboratorio di analisi decentrato ma risultato autorizzato, in un contesto professionalmente  organizzato ma sconosciuto all’Autorità Sanitaria. 

I sequestri

Le indagini sono state avviate nel mese di settembre 2022, a seguito di verifiche che evidenziavano  operazioni di trasporto sangue non congruenti con gli specifici bacini di utenza posti sotto  osservazione. 

Il sequestro preventivo delle 3 strutture abusive, delle attrezzature e dei numerosi dispositivi medici,  è stato eseguito con l’apposizione dei sigilli e l’interruzione totale delle attività illecitamente  intraprese. Il valore di quanto sequestrato si aggira intorno al milione di euro.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...