Bologna, prende a pugni la compagna dopo un litigio

Era l’ennesima lite per problemi di natura economica

Bologna, prende a pugni la compagna dopo un litigio.

I Carabinieri della Stazione di Granarolo Emilia (BO) hanno eseguito una misura di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa nei confronti di un 42enne indagato per maltrattamenti contro familiari o conviventi. 

Il provvedimento, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bologna, nasce dalla necessità di proteggere la compagna dell’uomo, 47enne, che lo scorso 9 agosto era stata soccorsa nel suo appartamento dai Carabinieri. 

Un vicino aveva telefonato al 112 dicendo di aver udito le urla di una donna provenire da un’abitazione. Raggiunta dai militari dell’Arma, la vittima ha riferito di essere stata aggredita con schiaffi e pugni dal compagno, a seguito dell’ennesimo litigio per problemi di natura economica. 

Secondo quanto appreso, l’uomo, operante nel settore della pulizia delle cantine, ha ricevuto ultimamente poche richieste di lavoro e la coppia ha avuto difficoltà economiche. 

Visitata dai sanitari del 118, nei confronti della donna è stato attivato il “codice rosso”, ed è stata collocata in una struttura protetta. 

Informata dei fatti, la Procura della Repubblica di Bologna ha richiesto la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa, accolta dal GIP ed eseguita dai Carabinieri.

Foto d'archivio CC Bologna

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...