fbpx
CAMBIA LINGUA

A Pontedera l’VIII raduno nazionale dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato

Lo slogan è “Insieme per dare valore ai valori”

A Pontedera l’VIII raduno nazionale dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato.

Nei giorni 25 e 26 giugno 2022 si terrà presso Pontedera, in provincia di Pisa, l’VIII raduno nazionale dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato con lo slogan “Insieme per dare valore ai valori”.

Due giorni ricchi di eventi per ricordare l’importanza delle attività dell’ANPS nel coltivare la memoria della Polizia di Stato. Oltre che per ricordare il supporto quotidiano dei volontari al sistema della Protezione Civile Nazionale. Uomini e donne uniti dal senso di appartenenza e di reciproca solidarietà. Tutti vicini alla gente ieri come oggi, continuando ad offrire il proprio contributo alla società civile.

Il raduno nazionale

Il raduno è la mattina di sabato 25 giugno, in Piazza Martiri della Libertà di Pontedera. saranno allestiti gli stand delle Specialità e dell’ANPS per la divulgazione di materiale informativo. Inoltre verranno esposte le auto storiche insieme alla Lamborghini della Polizia.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Nel pomeriggio verrà deposta una corona d’alloro ai caduti in piazza Garibaldi. Successivamente, conclusa la messa solenne in Duomo, si terrà il concerto della Banda musicale della Polizia di Stato.

Domenica 26 giugno, allo stadio ” Ettore Mannucci”, alla presenza del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Lamberto Giannini, si terrà la sfilata delle sezioni dell’Associazione nazionale della Polizia di Stato provenienti da tutta Italia. Al termine il Capo della Polizia Prefetto Giannini, nominerà due poliziotti ad honorem. Si tratta di personalità della società civile che con il loro esempio di vita hanno incarnato i valori della Polizia di Stato. Questi, con il loro operato, sono state vicine alle persone più fragili.

All’VIII Raduno nazionale dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato a Pontedera partecipa anche Don Antonio Coluccia in qualità di poliziotto ad honorem.

L’intervento del Capo della Poliza, Lamberto Giannini

Alle ore 11.00 del 26 giugno,  presso lo stadio comunale “Ettore Mannucci” di Pontedera (PI), alla presenza del Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Lamberto Giannini e delle autorità locali, in occasione dell’VIII raduno nazionale dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato,  si è tenuta la sfilata della Banda Musicale con la Bandiera della Polizia di Stato.

La sfilata dei Commissari della Scuola Superiore di Polizia di Roma e degli Agenti della Scuola di Polizia di Spoleto, degli atleti del Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro e delle sezioni provinciali dell’ANPS, è avvenuta con esponenti da tutto il territorio nazionale.

I poliziotti del Reparto Volo e del Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza, hanno concluso l’evento con una esercitazione all’interno dello Stadio.

Il Concerto della Banda musicale della Polizia di Stato

Alle ore 19.00 a Pontedera (PI), in piazza Martiri della Libertà, la Banda Musicale della Polizia di Stato si è esibita. Si è trattato di un concerto aperto a tutta la cittadinanza La banda ha proposto brani del suo vasto repertorio classico e contemporaneo, pop e jazz.

Ad impreziosire le esibizioni sono state le voci del tenore Aldo Caputo e del soprano Maria Cioppi, ospiti speciali della serata.

Don Coluccia: poliziotto ad honorem

Presente anche Don Antonio Coluccia all’VIII Raduno nazionale dellANPS  in programma oggi e domani a Pontedera (PI).

Il sacerdote è stato insignito del prestigioso riconoscimento di poliziotto ad honorem nel 2021 dal Capo della Polizia Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Lamberto Giannini in occasione della Festa di San Michele Arcangelo, patrono della Polizia di Stato.

Don Antonio Coluccia, da oltre 25 anni si prodiga in difesa degli umili e degli ultimi. Sempre pronto a scendere in strada collaborando con le Forze dell’ordine.

Ed è proprio dopo essere stato nominato poliziotto ad honorem, il sacerdote ha dedicato questo riconoscimento ai poliziotti della scorta. Questi condividono con lui ogni giorno nel quartiere romano di San Basilio.

Durante la cerimonia l’importante riconoscimento sarà attribuito al giornalista e conduttore televisivo Massimiliano Ossini.

Massimiliano Ossini diventa poliziotto ad honorem

Il conduttore e giornalista televisivo Massimiliano Ossini è poliziotto ad honorem. È stato insignito di questa onoreficenza per l’anno 2022. Lo ha premiato il Capo della Polizia- Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Prefetto Lamberto Giannini.

Queste le motivazioni dell’ importante riconoscimento:

“Per l’impegno e l’incondizionata disponibilità e vicinanza dimostrati verso i progetti e le iniziative volte a promuovere i principi di legalità e inclusione sociale e solidarietà, contribuendo a diffondere i modelli valoriali della Polizia di Stato”.

Ossini ha indiscusse doti comunicative e culturali. E si è distinto sul territorio nazionale, ed in particolare nella provincia di Ascoli Piceno, per il suo impegno. Oltre che per la sua disponibilità ad abbracciare i progetti e le iniziative volte a favorire la diffusione dei valori di legalità, inclusione sociale e tutela ambientale affermati dalla Polizia di Stato.

È inoltre socio dell’ Associazione  Donatori e Volontari Personale della Polizia di Stato “Donatorinati”. La quale è stata costituita per promuovere la donazione del sangue come atto di generosità. Dando così un contributo indispensabile alla comunità e per rafforzare sempre più il concetto fondamentale di “chi dona il sangue dona la vita”.

Insieme per dare valori ai valori

Il motto di questo 8° Raduno vuole rinnovare quel legame indispensabile ai valori fondamentali della vita. In riferimento alla Polizia di Stato, a quei principi che ci indicano un corretto modo di vivere in una società civile.

L’attività del Sodalizio è indirizzata soprattutto alle nuove generazioni. Per l’educazione dei giovani alla legalità. Promuovendo incontri per spiegare che è importante vincere la sfida contro la criminalità, la corruzione ed il malcostume realizzando una società giusta e tollerante ma soprattutto democratica. I valori di riferimento sono molti, per una società sana, come giustizia, solidarietà, equità e rispetto.

In questo momento storico sembra che i valori di riferimento siano altri, molto effimeri e illusori. L’Associazione della Polizia di Stato è in prima linea per riaffermare e dare maggiore valore a quei Valori. Quelli che sono la nostra bandiera e che ci donano un futuro di vera convivenza civile.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×