fbpx

Catania, progettazione hub di scambio intermodale

Mobilità, concorso di progettazione per hub di scambio intermodale a Fontanarossa

Catania, progettazione hub di scambio intermodale.

È in pubblicazione il concorso di progettazione a procedura aperta in due gradi, con modalità informatica, per la realizzazione dell’infrastruttura “Nodo di interscambio modale per terminal bus con il sistema della mobilità su ferro – parcheggio Fontanarossa”, finalizzata ad ospitare i veicoli del trasporto pubblico extraurbano, per l’incremento della mobilità collettiva e della distribuzione ecocompatibile dei sistemi di trasporto.

È il primo passo di una fondamentale struttura per la mobilità sostenibile che ha l’obiettivo di realizzare un punto di scambio gomma-ferro, un vero e proprio hub intermodale in prossimità dell’aeroporto internazionale “Vincenzo Bellini”.

Il bando di progettazione (Responsabile Unico del Procedimento arch. Salvo Persano), è stato promosso dall’assessorato ai lavori pubblici retto da Enrico Trantino, sulla base dei piani di sviluppo concordati con RFI, Fce, Amts e il Comune di Catania, che ha anche il ruolo di coordinamento delle azioni di pianificazione in tema di mobilità urbana e interurbana.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Nel nuovo Polo Intermodale interno al parcheggio Fontanarossa, infatti, confluirà il traffico del trasporto interregionale su gomma, quello extra urbano proveniente dalle province della Sicilia sud/orientale e occidentale e corrisponderà con la stazione metropolitana di Catania “Santa Maria Goretti” (in fase di aggiudicazione) e la futura nuova fermata RFI.

Il progetto prevede la realizzazione di una grande autostazione bus con una sala d’attesa per 200 persone, la biglietteria, i servizi igienici, servizi per il ristoro. Esternamente sono previsti ben 25 stalli-bus con apposite pensiline di protezione e connessione tra i vari sistemi di trasporto previsti per i viaggiatori. Al fine ridurre i tempi di realizzazione si prevede l’adozione di strutture prefabbricate.

Le fermate su ferro (una sotterranea per metropolitana e una a livello stradale per fermata RFI) sono organiche al sistema infrastrutturale di RFI. Il progetto prevede, infatti, la realizzazione di passerelle a raso, di scavalco e sotterranee per il collegamento al Polo Intermodale. L’area, inoltre, dovrà accogliere stalli dedicati al Car sharing e bike sharing e colonnine di ricarica elettrica per veicoli e biciclette.

Il costo stimato per la realizzazione dell’opera a base d’asta, comprensivo degli oneri della sicurezza, è di 5,2 milioni di euro finanziati con risorse comunitarie, d’intesa con l’assessorato comunale ai Fondi Ue guidato da Sergio Parisi e il dipartimento regionale della Programmazione.

Dopo la conclusione delle procedure del bando di concorso di progettazione definitiva con la relativa consegna degli elaborati da eseguire, nei tempi stimati di sei/sette mesi, si potrà procedere a indire la gara d’appalto per l’esecuzione delle opere e successivamente l’apertura del cantiere preventivabile a metà del 2023.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×