fbpx
CAMBIA LINGUA

Mobili per arredo bagni: guida alla scelta

Mobili per arredo bagni: guida alla scelta.

Quando si arreda una casa nuova o appena ristrutturata, la scelta di optare verso un determinato modello di arredamento, tra l’infinita lista di pezzi appartenenti alla categoria dei mobiletti bagno, non è sempre facile ed immediata.

Con questa guida imparerai a scegliere i tuoi mobili da bagno nel modo più cosciente possibile, bilanciando aspetti come la praticità, le fattezze dei materiali e il design dei suoi elementi.

Mobili da bagno: le tipologie

Scopri, categoria per categoria, quale sia il mobile più adatto a te o quali tipologie mixare per un arredo unico e originale.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Mobili da bagno sospesi

Questa è la categoria di mobilia più acquistata perchè il suo design ben si sposa anche con le funzionalità ed esigenze del mercato. Sempre più persone ricorrono a soluzioni di appartamenti dalle esigue dimensioni, magari locati in sottotetti e mansarde. Tra le tipologie più diffuse c’è il mobile a cassettoni o il modello mono mensola, il preferito di chi arreda il proprio bagno secondo uno stile minimal.
Se vuoi acquistare un mobile che appartiene a questa categoria devi sapere che uno degli aspetti importanti da valutare è il muro che lo sostiene, deve essere solido perchè sarà l’unico responsabile dell’ancoraggio.

Mobili da terra

Se protendi verso questo tipo di arredamento, vuol dire che probabilmente il tuo stile preferito è il classico. Stai optando per un mobile monoblocco che presenta la combo specchio lavabo, unita da un incasso. Rispetto ai mobili sospesi sa offrire più spazio, ma il design risentirà sicuramente di questa scelta. I mobili classici da terra invadono molto gli spazi e sono sconsigliati per mansarde e bagni molto piccoli. Quando si installa un mobile che predilige lo stoccaggio di elementi al proprio interno, si devono calcolare particolarmente bene le altezze da terra per favorire l’accessibilità alle mensole interne: mai scegliere mobili più bassi di 80 cm e più alti di 120 cm. Puoi anche creare ambienti aggiuntivi all’interno dei mobili inserendo dei divisori che ti aiutino a dividere i detersivi dagli attrezzi di idraulica, per esempio.

Mobili a colonna da bagno

Ingombrano poco perché si sviluppano in altezza e, soprattutto, dispongono di un grande numero di mensole su cui poggiare ciò che si vuole. Per questioni di praticità, disponi sul fondo ed in cima alla colonna gli oggetti che non usi quotidianamente, come ad esempio il cambio per le nuove asciugamani. Evita di poggiare la colonna sul pavimento, fissala su di un muro resistente per ottenere un migliore aspetto in termini di design e per garantire alla struttura del mobile un equilibrio nettamente più stabile.

Scaffali da bagno

Spesso utilizzato per dare design alla stanza da bagno, la sua posizione in diagonale potrebbe essere leggermente d’intralcio, ma offrirà all’incirca 5 mensole aggiuntive su cui poter poggiare i tuoi beni e, eventualmente, oggetti d’arredo. Ti conviene lasciare ampio respiro agli spazi delle mensole, non utilizzarle tutte per riporre asciugamani o scatole portaoggetti, potresti chiudere il colpo d’occhio.

Specchio da bagno e portasciugamani

Optare per specchi sospesi e fissati a parete è la migliore scelta se vuoi far sembrare la tua stanza più ampia e luminosa. Calcola la grandezza giusta dello specchio in base alla dimensione del piano toilette. Valuta anche l’opzione di specchi con retroilluminazione, oppure con la disponibilità di luci led o applique integrate.
Anche gli specchi possono fungere da armadietti, considera attentamente ogni opzione d’acquisto.
Per quanto riguarda i portasciugamani, la scelta è duplice: orientati verso i classici porta asciugamani con la base a terra, oppure salva lo spazio vivibile del tuo bagno e utilizza ganci o staffe a muro.

Mobili per arredo bagni: guida alla scelta

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×