fbpx
CAMBIA LINGUA

Vertenza Marelli. Tecnomeccanica conferma dimensioni e prospettive del piano industriale per lo stabilimento di Crevalcore (BO)

Assessore Colla: "Ora si può avviare un percorso positivo, grazie a un progetto in sintonia col tessuto produttivo e manifatturiero dell'Emilia-Romagna"

Vertenza Marelli. Tecnomeccanica conferma dimensioni e prospettive del piano industriale per lo stabilimento di Crevalcore (BO)

“La formalizzazione diretta del piano industriale da parte dell’imprenditore interessato, Simone Ferrucci, apre oggi una nuova pagina con contenuti che permettono di guardare al futuro con fiducia. Con l’acquisizione da parte di Tecnomeccanica ci sono tutte le condizioni per portare a termine un percorso positivo, per salvaguardare l’occupazione e assicurare un futuro industriale allo stabilimento Marelli di Crevalcore”.

Così l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla, dopo l’incontro in viale Aldo Moro del tavolo regionale sulla vertenza Marelli di Crevalcore, nella bassa pianura bolognese. Dopo mesi di crisi nelle scorse settimane, nella sede del Mimit a Roma la comunicazione dell’assegnazione a Tecnomeccanica Spa per l’acquisto di un ramo d’azienda dello stabilimento di Crevalcore e oggi a Bologna la presentazione del piano industriale da parte dell’azienda piemontese.

Tecnomeccanica Spa, con base a Novara, prevede per Crevalcore l’attività di fusione e lavorazione dell’alluminio. Invitalia sta seguendo l’istruttoria per confermare il supporto all’operazione. In corso i lavori per partire dal 1^ giugno con la nuova proprietà, che prevede investimenti per oltre 22 milioni di euro.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

In partenza anche il confronto tra lavoratori e sindacati, sia con Marelli, sia con la nuova proprietà: in primo luogo ci si concentrerà sulla definizione di un piano sociale condiviso, per i lavoratori che non rientrano nella cessione del ramo d’azienda. Dei 222 lavoratori Marelli, 152 transiteranno senza soluzione di continuità in Tecnomeccanica.

“La nuova proprietà- aggiunge Colla– è pienamente in sintonia, per competenze e identità, con le caratteristiche della manifattura dell’Emilia-Romagna. Investimenti industriali che ci permettono di dire che siamo in linea con la piena reindustrializzazione del sito. E come fatto fin dall’inizio della vertenza, la Regione Emilia-Romagna continuerà a seguire da vicino l’evolversi della situazione, pronta a mettere in campo tutti gli strumenti che ha a propria disposizione, con la necessaria formazione dei lavoratori e accompagnando gli investimenti in ricerca di processo e prodotto.
Se oggi siamo arrivati a questo risultato- conclude l’assessore regionale– lo dobbiamo al gioco di squadra tra istituzioni e alla mobilitazione e al senso di responsabilità dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali”.

Oggi, oltre alla Regione Emilia-Romagna con l’assessore Colla, erano presenti alla riunione il rappresentante della Città Metropolitana di Bologna, Sergio Lo Giudice, il sindaco di Crevalcore, Marco Martelli, i rappresentanti dell’azienda Marelli, Confindustria Emilia Centro, Tecnomeccanica, i sindacati Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil, Ugl, Aqcf-R e i rappresentanti dei lavoratori.

La crisi dello stabilimento di Crevalcore era arrivata a cinque anni dal passaggio da Stellantis alla giapponese Calsonic Kansei, controllata dal fondo americano Kkr, avvenuto nel 2018. Il sito produce collettori di aspirazione aria e pressofusi di alluminio, entrambi componenti essenziali per motori.

Vertenza Marelli. Tecnomeccanica conferma dimensioni e prospettive del piano industriale per lo stabilimento di Crevalcore (BO)

Vertenza Marelli. Tecnomeccanica conferma dimensioni e prospettive del piano industriale per lo stabilimento di Crevalcore (BO)

 

Vertenza Marelli. Tecnomeccanica conferma dimensioni e prospettive del piano industriale per lo stabilimento di Crevalcore (BO)

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×