fbpx

Trento, biciclette elettriche truccate. Segnalati vari casi dalla Polizia locale, rischio sanzioni e sequestri

Attenzione agli acquisti su internet di due ruote non conformi

Trento, biciclette elettriche truccate. Segnalati vari casi dalla Polizia locale, rischio sanzioni e sequestri.

La Polizia locale segnala la presenza in città di alcune biciclette elettriche non conformi al codice della strada.

Spesso di tratta di biciclette acquistate su internet senza essere a conoscenza del fatto che non sono conformi, rischiando quindi di incappare in sanzioni anche pesanti arrivando fino al sequestro del mezzo.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Nello specifico: se la bicicletta elettrica viene considerata ciclomotore la sanzione arriva fino a 635 euro; ancora più salata (da 835 fino a 3.382) per chi effettua modifiche al mezzo.

La Polizia locale consiglia di rivolgersi sempre a rivenditori affidabili.

Trento, biciclette elettriche truccate. Segnalati vari casi dalla Polizia locale, rischio sanzioni e sequestri
Due i casi riscontrati dagli agenti: il primo riguarda biciclette con motore con velocità superiore ai 25 km/h. In questo caso con un motore elettrico ausiliario che supera i limiti di velocità si contesta che si tratta di un ciclomotore irregolare in quanto senza targa né assicurazione. Non è prevista alcuna sanzione relativa alla patente.

Il secondo caso è invece quando il velocipede si muove anche senza pedalare (oltre i 6 km/h) e quindi non ha un motore elettrico ausiliario ma un motore principale: qui si contesta la violazione come ciclomotore irregolare e la sanzione riguarda anche i requisiti del conducente e le norme di comportamento (patente, assicurazione, casco, ecc.).

Si ricorda che le caratteristiche dei velocipedi a pedalata assistita sono le seguenti: motore ausiliario elettrico; potenza nominale continua massima di 0,25 kw, o di 0,5 kw se adibiti al trasporto di merci; alimentazione progressivamente ridotta e infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare.

I velocipedi a pedalata assistita possono essere dotati di un pulsante che permetta di attivare il motore anche a pedali fermi, purché con questa modalità il veicolo non superi i 6 km/h.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×