Milano, da inizio anno sessantasei donne hanno chiesto aiuto per violenza

Un dato in diminuzione rispetto allo scorso anno

Milano, da inizio anno sessantasei donne hanno chiesto aiuto per violenza

 

Da gennaio a inizio ottobre 2022 un totale di 66 richieste di aiuto, in leggero calo rispetto alle 70 registrate nello stesso periodo dello scorso anno.

In occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, gli sportelli di Corsico e Assago della ROSA dei venti – Rete Orientamento, Sostegno e Aiuto per le donne vittime di violenza che coinvolge 17 Comuni degli ambiti territoriali Visconteo Sud Milano e Corsichese – fanno il bilancio dell’ultimo anno di attività.

Entrambi gli sportelli sono gestiti da Fondazione Somaschi, realtà del Terzo Settore da anni in prima linea nella tutela delle donne vittime di maltrattamento a Milano e nell’hinterland.

A chiedere aiuto alle due strutture sono state per lo più donne italiane (39), nella fascia d’età compresa tra i 36 e i 45 anni (16), e 46-55 (15), con figli minori conviventi (30) e con un’occupazione professionale (34). Nella maggioranza dei casi gli accessi sono avvenuti spontaneamente (47). In misura minore attraverso il numero nazionale antiviolenza e stalking 1522, su segnalazione delle Forze dell’Ordine, dei Servizi Sociali, di amici, conoscenti e altri enti del territorio.

Le tipologie di violenza denunciate sono diverse e spesso unite fra loro: la più frequente è la violenza psicologica (57), seguita a breve distanza da quella fisica (43), sessuale (10), economica (12) e dallo stalking (12). Molto alta anche la percentuale della violenza assistita dai figli (21). 26 donne hanno sporto denuncia.

Nella maggioranza dei casi gli autori del maltrattamento sono i mariti (21), ex fidanzati (7), ex conviventi (5) e familiari (6).

Per 3 donne, di cui 2 con figli minori, è stato necessario avviare l’ospitalità protetta nelle case rifugio messe a disposizione dalla Fondazione Somaschi.

I comuni di residenza dichiarati dalle donne che si sono rivolte agli sportelli antiviolenza sono un po’ tutti quelli del territorio coinvolto dalla Rete, il più frequente è Corsico (23), seguito da Trezzano Sul Naviglio (10) e Cesano Boscone (8).

La ROSA dei venti rimane una grande rete di contrasto alla violenza di genere nella provincia di Milano e i 17 Comuni coinvolti sono: Basiglio, Locate di Triulzi, Opera, Rozzano, Binasco, Casarile, Lacchiarella, Noviglio, Pieve Emanuele, Vernate, Zibido San Giacomo, Assago, Buccinasco, Cesano Boscone, Corsico, Cusago, Trezzano S/N. La Rete comprende anche ATS Città Metropolitana, ASST Rhodense, ASST Melegnano e Martesana, ASST Santi Paolo e Carlo, Istituto Clinico Humanitas, Fondazione Fare Famiglia Onlus, Ass. Demetra Donne Trezzano, Ass.ne Ventunesimodonna di Corsico, Comitato Area Sud Milano Della Croce Rossa Italiana, AFOL Città Metropolitana, Ass. Lule Onlus, Telefono Donna Onlus, Soc. Coop.va Sociale A Stefano Casati, Coop.va Tuttinsieme, Casa di Accoglienza delle Donne Maltrattate di Milano (CADMI), Ass.ne Donne Insieme contro la violenza, Fondazione Somaschi.

Le sedi: gli sportelli di Corsico (tel. 800 049722, aperto lunedì, giovedì e venerdì ore 10-13) e Assago (tel. 329 1219666, aperto martedì 9-12 e giovedì 14-17) sono gestiti da Fondazione Somaschi Onlus. L’indirizzo email attivo per entrambe le strutture è [email protected].

Gli sportelli di Pieve Emanuele (tel. 02 90422123, aperto lunedì 10-13, martedì 10-12.30/18.30-20.30, mercoledì 15-17.30, giovedì 17-19.30, venerdì 15-17.30[email protected]), Noviglio (tel. 02 9055319, aperto martedì 16-18[email protected]) e Rozzano (tel.  02 57514156, aperto mercoledì 13-16 e venerdì 9.30-12.30[email protected]) sono gestiti dall’associazione Donne Insieme Contro la Violenza. Negli orari di chiusura è sempre disponibile il numero nazionale antiviolenza e stalking 1522, attivo 24 ore su 24.

 

Milano, da inizio anno sessantasei donne hanno chiesto aiuto per violenza

 

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...