Padova, firmato il Contratto Integrativo 2021 tra le Organizzazioni sindacali, le RSU e l’Amministrazione

Presenti i delegati delle sigle sindacali e per la parte datoriale il Direttore generale dott. Giovanni Zampieri, la Dirigente alle Risorse Umane dottoressa Sonia Furlan e l’assessora alle risorse umane dottoressa Francesca Benciolini

Padova, le parti hanno convenuto di mantenere le condizioni in essere del precedente accordo per il triennio 2018/2020 ma sono state introdotte alcune novità. Innanzitutto delle soluzioni per garantire maggiore uniformità all’applicazione del sistema di valutazione delle performance individuali dei dipendenti da parte dei dirigenti, prevedendo la valutazione avvenga dopo almeno un mese di servizio effettivo. Una parte consistente dell’incentivo ai dipendenti è collegato alla realizzazione di specifici progetti, approvati dalla Giunta comunale.

Ogni incentivo erogato è comunque soggetto a valutazione fatte salve specifiche indennità collegate alle condizioni di lavoro. Nell’ambito dell’accordo collettivo integrativo è stato anche previsto di continuare nell’anno 2021 a dare applicazione all’istituto delle Progressioni Economiche Orizzontali previste all’art. 16 e ss. del CCNL 21/05/2018. Si tratta di un incremento economico assegnato su formulazione di apposita graduatoria tra gli aventi titolo, formulata in base alla valutazione individuale, al possesso di determinati titoli di studio e dell’esperienza maturata. Le nuove progressioni al 01/01/2021 sono, di concerto con le parti sindacali, finalizzate ad un riequilibrio delle percentuali per le categorie economiche che negli anni 2019 e 2020 hanno visto un minor numero di progressioni.

A tale scopo l’Amministrazione si è resa disponibile a destinare ulteriori risorse economiche permettendo di raggiungere l’obiettivo inizialmente dichiarato di coinvolgere almeno l’80 % dei dipendenti in servizio. Inoltre, nel corso dell’anno, a seguito di confronto con le parti sindacali sono stati approvati 39 passaggi di categoria giuridica del personale dipendente, da attuarsi tramite selezioni riservate al personale già di ruolo, per consentire le progressioni economiche verticali dei lavoratori più meritevoli e che posseggono sia i titoli di studio che le competenze per rivestire il nuovo ruolo, grazie anche all’esperienza acquisita negli anni.

L’assessora Francesca Benciolini dichiara soddisfatta:Il nostro principale obiettivo era quello di concludere questa contrattazione e arrivare a questa firma in un clima di condivisione, e grazie a un costante impegno da parte di tutti lo abbiamo raggiunto. Proprio in virtù del buon clima nel quale si è svolto il confronto, siamo riusciti ad ottenere importanti risultati nell’ambito delle progressioni economiche orizzontali e verticali.

Abbiamo inserito degli elementi importanti che mettono al centro la valorizzazione delle professionalità acquisite e abbiamo mantenuti tutti gli impegni, a dimostrazione del fatto che quando si lavora in maniera collaborativa e condivisa, pur nel rispetto delle prerogative di ognuno, si ottengono risultati che sono innanzitutto risultati della Città perché chi lavora per il Comune di Padova è prima di tutto a servizio dei cittadini e delle cittadine, ed è per noi motivo di grande soddisfazione aver ottenuto un accordo che rende migliori le condizioni di lavoro di tutte e tutti. Esprimo grande soddisfazione anche per il lavoro fatto sullo smartworking in questi anni difficili, che porta il Comune di Padova ad essere in una fase avanzata della discussione del regolamento per il lavoro agile.

L’introduzione del lavoro agile in un’Amministrazione comporta la necessità di ristrutturare le modalità di organizzazione del lavoro, che deve essere orientato in una logica di raggiungimento di obiettivi assegnati, con conseguente responsabilizzazione dei lavoratori. In tal senso, nel corso dell’ultimo anno e mezzo è già stato attuato un importante programma di formazione per i dipendenti, anche in collaborazione con IRECOOP Veneto e Variazioni SrL”.

La FP CGIL di Padova tramite Alessandra Stivali, segretaria generale dell’organizzazione, e Maurizio Galletto Rsu Cgil dell’Ente,esprime piena soddisfazione rispetto all’accordo raggiunto con l’Amministrazione sul decentrato 2021 che riporta gli stessi importi dell’anno procedente, con le stesse indennità e soprattutto per la conclusione, nel triennio, delle Progressioni orizzontali dei dipendenti del Comune, che porta i passaggi ad oltre 80% degli aventi diritto, risultato non scontato, considerato che i dipendenti aspettavano da oltre 12 anni il giusto riconoscimento della valorizzazione del loro percorso lavorativo.
Abbiamo di conseguenza mantenuto l’impegno assunto con i lavoratori in assemblea oramai tre anni fa, senza intaccare, come detto, produttività ed indennità in un periodo complesso per tutti come il covid, in cui i lavoratori dell’Ente in presenza ed in smart working sono riusciti grazie alla loro professionalità nel non facile obiettivo di mantenere in piedi i servizi. Sulle Progressioni si tratta per noi di un avvio di percorso che dovrà continuare anche nel 2022, ci impegneremo con forza per questo obiettivo”.

Silvio Nalon, ADL COBAS, aggiunge:Come organizzazione sindacale riteniamo positivo, anche se non esaustivo, quanto raggiunto con l’accordo di fine anno: si è ottenuto, e visti gli accordi nazionali non era affatto scontato, il passaggio di categoria per l’80% dei dipendenti in tre anni senza aver minimamente intaccato le risorse relative al premio di produttività. Altra cosa positiva all’interno del contratto decentrato siglato nei giorni scorsi è la possibilità, come andiamo richiedendo da tempo, di veder gratificati attraverso un minimo riscontro economico i lavoratori che usano la bicicletta per recarsi al lavoro, rispettando l’ambiente e contribuendo così allo sviluppo di una vera mobilità sostenibile”.

Francesco Scarpelli, Segretario provinciale UIL-FPL, con le RSU UIL-FPL del Comune di Padova Franca Laudicina, Laura Catinella, Pierangela Marcolongo, Michele Volpato, Lorenzo Benetti e Antonello Frino dichiarano: “Siamo pienamente soddisfatti della sottoscrizione del Contratto Integrativo 2021. Anche quest’anno si è raggiunto un risultato importante, certamente non scontato, alla luce anche di qualche momento di criticità durante gli innumerevoli tavoli sindacali. Abbiamo sempre sollecitato l’Amministrazione per avere ulteriori risorse economiche e alla fine riteniamo sia stato fatto il possibile. È stato un percorso articolato, ottenuto grazie alle Organizzazioni Sindacali, agli RSU, al prezioso lavoro dei colleghi del Settore Risorse Umane e all’Assessora Benciolini.

Anche il prossimo anno sarà regolarmente erogato il premio legato al rendimento di ogni singolo dipendente. Una novità assoluta, fortemente voluta, è che nel 2022 si potrà attivare un progetto destinato ad incentivare l’uso del velocipede negli spostamenti casa-lavoro. Abbiamo continuato a puntare molto sulla valorizzazione del personale, al fine di dare un servizio sempre migliore alla cittadinanza. Siamo intervenuti per migliorare l’istituto delle Progressioni Economiche Orizzontali destinate al personale del Comune, estendendole e arrivando così alla soglia dell’80% nel triennio 2019/2020/2021, che era il nostro obiettivo prefissato: questo passaggio di categoria economica ha interessato oltre 1280 dipendenti. In tal senso abbiamo già manifestato all’Amministrazione la necessità di aumentare questa percentuale, al fine di riconoscere per quanto possibile pari trattamento al restante personale che per ora è rimasto escluso.
Un messaggio importante, che punta a valorizzare quei servizi pubblici che i dipendenti del Comune di Padova hanno sempre garantito, soprattutto in questo ultimo biennio, in un momento in cui hanno dovuto lavorare inizialmente in condizioni di notevole disagio, per ovvi motivi legati alla pandemia, anche tramite una grande quanto improvvisa accelerazione sui processi digitali, come il lavoro da remoto. Come UIL-FPL non perderemo di vista però l’obiettivo che è quello di migliorarsi sempre, già dalle prossime settimane”.

Vincenzo Faggiano, coordinatore provinciale CSA afferma:Il CSA ha ritenuto di sottoscrivere il contratto integrativo a seguito della assemblea generale convocata il 20 dicembre. Pur ritenendo che sarebbe stato necessario uno sforzo maggiore per reperire denaro fresco utile a retribuire le nuove abilita’ e professionalita’ ha deciso di sottoscrivere in quanto e’ possibile garantire la progressione professionale e le risorse complessive non sono state alla fine decurtate ma anzi leggermente incrementate”.

Il Segretario Aziendale CISL Comune di Padova Franco Zanon e Andrea Ricci della Segreteria Provinciale CISL FP Padova Rovigo aggiungono:La Cisl Fp rappresenta soddisfazione per l’importanza degli accordi raggiunti. Dopo anni finalmente si sono riavviati importanti istituti contrattuali finalizzati alla valorizzazione dei dipendenti del Comune di Padova. La Cisl FP ritiene fondamentale il miglioramento del lavoro fino ad oggi svolto”

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...