Bolzano, intensificati i controlli per spaccio di stupefacenti e norme anti Covid-19

Arrestati un uomo e una ragazza per spaccio di stupefacenti, inoltre i controlli anti Covid hanno portato alla chiusura di un esercizio pubblico

Bolzano, nel campo del consumo delle sostanze stupefacenti i giorni festivi sono purtroppo i più intensi, per la pressante richiesta dei consumatori e per la lucrosa attività dei venditori.
Per questi motivi, la Questura di Bolzano incrementa l’attività di controllo attraverso servizi mirati a contrastare il traffico illecito di tali sostanze.

Nel pomeriggio di venerdì scorso, in via Visitazione, una pattuglia della Squadra Volante procedeva al controllo di un cittadino nordafricano di mezza età, conosciuto per reati pregressi in materia di stupefacenti.
L’uomo, alla vista degli Agenti, cercava di darsi alla fuga, ma, dopo un concitato inseguimento appiedato, veniva bloccato.
Gli operatori, insospettiti da tale atteggiamento, sottoponevano il soggetto a perquisizione personale, che portava al rinvenimento e sequestro di una consistente quantità di sostanza stupefacente, celata negli indumenti.
In seguito alla perquisizione domiciliare venivano inoltre rinvenuti altra sostanza stupefacente e strumenti utilizzati per il confezionamento delle dosi da vendere al dettaglio.
Al termine, venivano sequestrati complessivamente 62,14 grammi di cocaina e 73,98 grammi di hashish, oltre a 6020 euro, frutto dell’attività illecita.
Il trafficante veniva infine condotto presso il Carcere di Bolzano, ove attenderà il processo.

Nel primo pomeriggio di domenica, una pattuglia della Squadra Volante interveniva presso un’abitazione nella periferia cittadina, ove era stata segnalata una violenta lite familiare.
Giunti sul posto, gli Agenti, preparati attraverso specifica formazione ad intervenire in tali situazioni, si trovavano di fronte la giovane figlia di una coppia bolzanina che poco prima aveva aggredito il padre, causandogli lesioni giudicate guaribili in 10 giorni.
Il litigio era nato dalla scoperta nella stanza della ragazza, da parte del genitore, di una piccola quantità di sostanza stupefacente.
Gli operatori, dopo aver cercato di calmare la ragazza, che, con ingiustificata violenza, aveva tentato di aggredire anche loro, procedevano ad un’accurata perquisizione, insospettiti da tale reazione spropositata.
Infatti, venivano rinvenuti e sottoposti a sequestro ben 1.200 grammi di Marijuana e 3,15 grammi di hashish, quantitativi che portavano all’arresto della ragazza ed alla sua conduzione presso la Sezione femminile del Carcere di Trento.

Va anche sottolineato che nel corso del fine settimana, la Questura di Bolzano ha intensificato anche le attività di controllo del territorio, tra cui quelle mirate alla verifica del rispetto delle misure antipandemiche in atto.
Sono state impiegate complessivamente 30 pattuglie, che hanno proceduto all’identificazione di alcune centinaia di persone e diverse decine di veicoli.
In particolare, per quanto concerne i controlli “anti COVID”, sono stati interessati 238 persone e 12 esercizi pubblici.
Tra questi ultimi, uno situato nel quartiere “Don Bosco” è stato chiuso cautelarmente per 5 giorni, a causa della presenza di un avventore privo di “Green Pass”.

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...