Grosseto, “Il delitto di via dell’Orsina” lunedì 7 marzo al Teatro degli Industri. Una commedia con tre attori d’eccezione

Sbarcano al Teatro degli Industri Massimo Dapporto, Antonello Fassari e Susanna Marcomeni

Grosseto, “Il delitto di via dell’Orsina” lunedì 7 marzo al Teatro degli Industri. Una commedia con tre attori d’eccezione.

Al Teatro degli Industri arrivano Massimo Dapporto, Antonello Fassari e Susanna Marcomeni. La Stagione teatrale 2022 organizzata dal Comune di Grosseto e da Fondazione Toscana Spettacolo Onlus prosegue con un nuovo appuntamento lunedì 7 marzo alle 21 al Teatro degli Industri.

In scena “Il delitto di via dell’Orsina” (L’Affaire de la rue de Lourcine) di Eugène Labiche, nell’adattamento e con la regia di Andrée Ruth Shammah. Sul palco saliranno Massimo Dapporto, Antonello Fassari e Susanna Marcomeni. I biglietti sono disponibili online (comunegrosseto.ticka.it) o al botteghino del teatro, che lunedì 7 marzo sarà aperto dalle ore 18.

Uno spettacolo generoso che, con umiltà e delicatezza, regala l’emozione di tornare a teatro. A quel teatro essenziale in cui ogni gesto, ogni parola, ogni oggetto, è studiato e curato nei minimi dettagli. E questo è possibile solo grazie all’esperienza della sua regista, alla bravura e alla personalità di attori come Massimo Dapporto, Antonello Fassari e Susanna Marcomeni, all’affascinante complessità delle scene di Margherita Palli e all’armonia che le musiche di Alessandro Nidi conferiscono a tutta l’opera.

La storia racconta di un uomo che una mattina si ritrova nel letto un perfetto sconosciuto: entrambi si svegliano con le mani sporche, le tasche piene di carbone e una gran sete. Gli uomini cercano piano piano di ricostruire quanto accaduto nella notte precedente e l’unica cosa di cui sono certi è di aver partecipato ad una festa di ex allievi del liceo. Dopo aver lasciato il raduno, il vuoto totale. Da un giornale vengono a sapere della morte di una giovane carbonaia avvenuta nella notte del mistero. Tra una serie di equivoci, malintesi e coincidenze sembra esser possibile che i due uomini siano i colpevoli del terribile omicidio.

Eugène Marin Labiche, da gran drammaturgo, riesce a creare una situazione paradossale, quasi beckettiana. Uno spettacolo leggero e divertente, ma allo stesso tempo profondo. Una riflessione sull’insensatezza e l’assurdità della vita.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...