Torino, eseguita una misura cautelare in carcere nei confronti di un ventenne per aver truffato una federazione sportiva

Sarebbe riuscito a farsi accreditare dal conto della federazione sul proprio conto oltre 12.000 euro

Torino, eseguita una misura cautelare in carcere nei confronti di un ventenne per aver truffato una federazione sportiva.

Venerdì scorso, gli agenti del Commissariato Barriera Nizza, con la collaborazione di personale del Commissariato di Lugo, hanno eseguito in Provincia di Ravenna una misura cautelare in carcere nei confronti di un ventenne, ritenuto gravemente indiziato del reato di truffa aggravata del quale sarebbe stato autore a danno di una federazione sportiva piemontese.
Il giovane è stato individuato dagli investigatori del Commissariato Barriera Nizza, grazie all’analisi dei tabulati e della movimentazione bancaria, dopo la denuncia presentata dalla parte lesa nel febbraio 2021.
Il ventenne, con artifizi e raggiri telematici, tra cui la registrazione di una finta pec riferibile al comitato sportivo, sarebbe riuscito a farsi accreditare dal conto della federazione sul proprio conto oltre 12000 euro, somma poi recuperata dagli investigatori.
Nella specifico, secondo la ricostruzione della truffa, l’uomo, con una serie di stratagemmi, dopo essersi spacciato per un rappresentate della federazione, avrebbe convinto un dipendente della banca presso la quale il comitato sportivo aveva un conto ad effettuare un bonifico di oltre 12000 euro, per una presunta iscrizione a campionati europei. Del bonifico in realtà sarebbe stato beneficiario lo stesso soggetto.
Il procedimento penale si trova nella fase delle indagini preliminari pertanto gli indagati non sono da ritenersi colpevoli fino a giudizio definitivo.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...