Plate rolls bending machine: in quali settori tornano utili

Plate rolls bending machine: in quali settori tornano utili

 

Le plate rolls bending machines sono macchine utensili costituite da una serie di rulli, atte a comprimere, distendere e finire materiali vari in forma di fogli o nastri, usate quindi nell’industria della carta, della gomma e delle materie plastiche, in quella tessile e, in genere, nella metallurgia.

 

Tra le aziende leader di settore, Seravesi fornisce dal 1960 plate rolls bending machines tecnologicamente avanzate, linee per fondi bombati e soluzioni personalizzate per la deformazione di lamiere.

Plate rolls bending machine: il modello E79 della 1960Seravesi

La E79 della 1960Seravesi è una 3 Rolls Plate Bending Machine a invito totale composta dai rulli inferiori ad assi variabili e il rullo superiore motorizzato con movimento verticale oleodinamico.

Le Rolls Plate Bending Machines della serie E79 della 1960Seravesi sono disponibili con capacità dai 25 mm fino ai 300 mm e lunghezze dei rulli da 1000 mm fino a 6000 mm.

L’invito è ottenuto è ottimo grazie all’elevata spinta del rullo superiore che viene utilizzato in questa fase come una pressa piegatrice. La rivoluzione della sua geometria. I rulli inferiori infatti, sono traslabili orizzontalmente ed indipendenti l’uno dall’altro con passo variabile, mentre il rullo superiore che è motorizzato, trasla verticalmente.

 

Caratteristiche principali della serie E79 della 1960Seravesi

Quando si parla nello specifico delle Rolls Plate Bending Machine della serie E79 della 1960Seravesi si pensa a precise peculiarità come:
  • Curvatura di medi e grossi spessori. (consigliata dai 40mm ai 300mm) E’ la macchina ideale perché grazie alla sua particolare concezione costruttiva è dotata di dimensioni ridotte e un tratto rettilineo più corto rispetto alle tradizionali 4 rulli e grazie all’inclinazione di tutti e tre i rulli, vi è la possibilità di eseguire lavorazioni coniche anche complesse in modo molto più semplice;
  • L‘invito ottenuto è ottimo grazie all’elevata spinta del rullo superiore utilizzato in questa fase come una pressa piegatrice;
  • Rivoluzione della sua geometria. I rulli inferiori sono traslabili orizzontalmente ed indipendenti l’uno dall’altro con passo variabile, mentre il rullo superiore che è motorizzato, trasla verticalmente;
  • Versatile: aumentando l’interasse dei rulli inferiori, si possono calandrare lamiere di grossi spessori mentre diminuendo l’interasse si possono calandrare lamiere di basso spessore ed ottenere tubi di piccolo diametro. Avere una rotolatrice ad assi variabili è come avere due macchine in una;
  • Indipendente: il movimento dei 3 rulli, permette facilmente la realizzazione di coni. I rulli inferiori e il rullo superiore si possono inclinare indipendentemente fino a 2°;
  • Sicura: per la sicurezza degli operatori, grazie a questa particolare geometria, la lamiera resta in posizione orizzontale durante tutte le fasi di lavoro. Inoltre la macchina è predisposta di emergenze a fungo per un immediato arresto del suo movimento;
  • Semplice da utilizzare e da mantenere grazie ad una facile accessibilità delle parti idrauliche e grazie alla diagnostica presente nel pannello di controllo sempre a portata di mano dell’operatore;
  • Dimensioni ridotte e compatte rispetto alle altre calandre tali da non chiedere la buca di fondazione fino a certe dimensioni.

Struttura del modello E79 della 1960Seravesi (certificata CE):

La E79 della 1960Seravesi è una 3 Rolls Plate Bending Machine è strutturata su un basamento costruito in acciaio elettrosaldato e sottoposta a trattamento termico di normalizzazione. Le spalle di supporto dei cilindri di movimento dei rulli sono costruite in acciaio elettrosaldato e sottoposte a trattamento termico di normalizzazione.

I rulli sono in acciaio speciale legato 42CrMo4 o in acciaio al carbonio C45, forgiati e bonificati.

– Rullo superiore motorizzato con riduttore epicicloidale e motore idraulico.

– Rulli laterali con sistema automatico di frenatura per evitare lo slittamento della lamiera;

I potenziometri lineari montati su ogni rullo (due per ogni rullo) permettono il controllo elettronico del parallelismo dei rulli, mentre i cuscinetti radiali montati su tutti i rulli sono orientabili a doppia corona di rulli a botte marca SKF o FAG.

La E79 della 1960Seravesi è costituita da 2 pompe e fino a 8 per le taglie più grosse per la spinta massima in pressata e in rotazione. Avendo un sistema con più pompe si ha sempre la contemporaneità dei movimenti, ossia la possibilità sia di ruotare che di pressare alla massima capacità, e in caso di guasto di una pompa, si può utilizzare la macchina anche se a prestazioni ridotte.

I cilindri sono costruiti in acciaio legato e acciaio al carbonio, con stelo cromato e utilizzano guarnizioni delle primarie marche. La centralina oleodinamica è composta da gruppo motopompa, elettrovalvole, valvole di massima pressione che garantiscono la protezione dell’impianto da sovraccarico.

La staffa ad apertura oleodinamica consente l’estrazione orizzontale del tubo prodotto, mentre l’impianto di lubrificazione centralizzato e automatico è dotato di pompa avente serbatoio autonomo, programmabile dal pannello operatore.

  • Impianto elettrico Siemens, ABB, Telemecanique, Moeller: è costituito da un quadro di comando a pulpito mobile collegato alla macchina con basso voltaggio e da un armadio generale dove sono montati oltre ai componenti elettrici, anche il PLC SIEMENS S7 di comando della macchina .
  • SIEMENS TP1200 con display touch Screen a colori 12″ Cambiando le pagine è possibile visualizzare sul display: la posizione, il bilanciamento dei rulli impostare e leggere l’inclinazione dei rulli, impostare la loro velocità (2 velocità di rotazione) le funzioni di diagnostica e di allarme macchina.
  • Modem per controllare in remoto il PLC in caso di teleassistenza
  • Sistema di raffreddamento olio ad aria o ad acqua.

Plate rolls bending machine: in quali settori tornano utili

Commenti
Loading...