WEMBLEY STREGATA PER L’INTER, IL TOTTENHAM ORA FA PAURA

224

Spurs in vantaggio con Erikssen a 10’ dalla fine: è 1-0 nonostante una bella prova dei nerazzurri. Ora l’ultimo turno diventa decisivo

Wembley è un tempio del calcio, ma noi veniamo da San Siro e se ci facciamo intimorire non meritiamo la maglia dell’Inter. Questo in sintesi l’urlo di Spalletti alla vigilia del match con il Tottenham. E il primo tempo ha dato al mister di Certaldo le risposte che si aspettava sotto l’aspetto caratteriale, con i nerazzurri molto attenti e non rinunciatari, anche se la pressione del Tottenham è sempre stata costante e la mediana nerazzurra non ha brillato per precisione. Alla fine dopo i primi 45’ le squadre vanno negli spogliatoi con una traversa colpita da Winks e Valero che nel recupero perde incredibilmente una palla che avrebbe potuto essere molto pericolosa per il Tottenham, in posizione favorevolissima (sul dischetto). Valero subentrato a un Nainggolan spento e apparso anche in difficoltà dal punto di vista fisico. Anche questa è stata una delle chiavi della prima metà tempo. Secondo tempo con l’Inter che parte con un altro piglio, più precisione e qualche occasione davanti alla porta difesa da Llloris. Poi i cambi di Pochettino (entrano Son ed Erikssen, escono Lamela e Lucas) disegnano un Tottenham più pericoloso davanti, ma i nerazzurri reggono bene e hanno l’occasione per passare in vantaggio con Perisic. Quando il pareggio sembrava portato a casa, ecco il gol del Tottenham con una bella azione di Sissoko e l’unica disattenzione di tutta la partita. Non meritava di essere sconfitta l’Inter, ha avuto anche la forza di reagire, ha trovato gioco e conquistato metri con l’ingresso di un ottimo Valero, ma esce da Wembley rimettendo in gioco la qualificazione nonostante una buona prova. Tutto rinviato: nulla è perso ma subire gol così a 10 minuti dalla fine fa male. Il carattere c’è, questa sera si è vista anche quella voglia di giocarla che Luciano Spalletti aveva chiesto, però manca la promozione agli ottavi. Ed è quello che conta.

Primo tempo

Inter schierata con la formazione tipo, con il solo Vrsaljko assente per infortunio: Handanovic, D’Ambrosio, Skriniar, de Vrij, Asamoah, Brozovic, Vecino, Naninggolan, Politano, Perisic, Icardi. Qualche sorpresa invece nell’undici di Pochettino con Lucas e Lamela al posto di Eriksen e Son. La formazione degli Spurs: Lloris, Aurier, Vertonghen, Alderweired, Davies, Sissoko, Winks, Lucas, Dele Alli, Lamela, Kane. Al 7’ Handanovic si salva sul palo da un tiro ravvicinato di Kane. Al 12’ gran tiro dal limite dell’area di Dele Alli, palla di poco sopra la traversa. Al 16’ Brozovic atterra Kane all’altezza del centrocampo per fermare un contropiede pericoloso e viene ammonito. Al 18’ tiro velenoso da fuori di Lamela, con la palla che sfila sul fondo. Al 25’ Lloris sbaglia il rinvio, servendo Perisic in area, ma Aurier riesce a deviarla in angolo. Al 29’ Asamoah sbaglia un passaggio al limite dell’area degli Spurs e e si sviluppa una bella azione sull’asse Sissoko-Lucas: Handanovic blocca a terra. Al 38′ traversa di Winks che sfodera un gran tiro a scendere dal limite dell’area. Al 46’ Valero, subentrato a un Nainggolan uscito al 44’ con una smorfia di dolore, riceve palla e temporeggia dal dischetto, facendosi bruciare da Sissoko. 

Secondo tempo

Al 49’ bella azione dell’Inter, tutta di prima intenzione, con Vecino che colpisce male dal limite dell’area e la butta ampiamente fuori. Al 58’, dopo una serie di calci d’angolo battuti dal Tottenham, bel contropiede dell’Inter con Politano che serve Icardi e la palla che si allunga verso il fondo, dove non ci sono giocatori dell’Inter. Al 59’ palla che sfila pericolosamente nell’area dell’Inter con de Vrij che non molla Kane, evitando l’intervento dell’inglese. Al 60’ Icardi viene murato da due difensori in area su lancio preciso di Perisic. Sull’azione dell’angolo Skriniar sfiora la palla in acrobazia davanti a Lloris. Al 61’ entra Son al posto di Lucas e alla prima occasione penetra pericolosamente in area, con la palla deviata da de Vrij. Al 67′ paura in area dell’Inter con un’azione cominciata da Son e la palla che alla fine viene tirata al volo da Dele Alli, di poco a lato. Al 70’ Vertonghen la butta fuori di poco di testa con la palla che attraversa pericolosamente tutta l’area dell’Inter. Al 75’ azione insistita dell’Inter con Valero che scambia con Perisic e lo mette nella posizione di tirare: gran parata di Lloris che devia in angolo. Al 79’ percussione di Sissoko e assist di Dele Alli per Eriksen che la spedisce di forza alle spalle di Handanovic. All’83’ tiro teso di D’Ambrosio dal limite dell’area, parato dall’estremo difensore degli Spurs. Brividi nell’area degli Spurs al 92’ con un calcio d’angolo sul quale si è presentato in area anche Handanovic: ne esce un gran tiro da fuori di Asamoah murato da un difensore degli Spurs. Fine dei giochi e Tottenham che raggiunge l’Inter a quota 7. Si deciderà tutto nell’ultima giornata. 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...