Verona, il 21 maggio il Giro d’Italia in città per “la tappa dantesca”

Verona, è tutto pronto per la «tappa dantesca», la numero 13 della 104ª edizione del Giro d’Italia, in arrivo a Verona venerdì 21 maggio, festa di San Zeno, lungo il percorso che va da Verona sud a Corso Porta Nuova.

Come previsto dal Dpcm del 2 marzo, la manifestazione sportiva sarà a porte chiuse, senza pubblico lungo il percorso e con le Forze dell’ordine a sorvegliare il rispetto delle misure.

Più di 180 i ciclisti che partiranno da Ferrara per arrivare a Verona passando per Vigasio e Castel d’Azzano e per poi entrare nella zona a Sud della città: via Vigasio, via Sacra Famiglia, via dell’Esperanto, viale del Lavoro, viale Piave e infine la volata in corso Porta Nuova, all’altezza dei giardini di Pradaval. Proprio da qui, dove sarà allestito il punto logistico della Rai, la gara sarà trasmessa in mondovisione e i cittadini potranno seguirla in tempo reale dalla televisione.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

La macchina organizzativa è pronta. Il Comune mette a disposizione 75 agenti della Polizia locale che saranno affiancati da una trentina di volontari della Protezione civile che saranno impiegati negli incroci e nei punti più delicati. Le transenne saranno posizionate nei tratti del percorso a più alta velocità, in particolare sull’accesso a viale Piave. In piazza Bra sarà allestito l’Open Village del Giro, per permettere ai cittadini di vivere la manifestazione in rosa nel rispetto delle misure anti contagio.

Il percorso della gara sarà off limits dalle 13.30 di venerdì 21 maggio, come da precise indicazioni ministeriali.

La tappa in città. La 13esima tappa del Giro d’Italia partirà da Ravenna alle 12.35 per arrivare a Verona in Corso Porta Nuova all’altezza di piazza Pradaval intorno alle 17. Partecipano al Giro 28 squadre di 8 corridori ciascuna, 184 ciclisti con 200 mezzi al seguito. Il Quartiere Tappa sarà allestito in Fiera mentre in piazza Bra ci sarà l’Open Village.

Il percorso. Una volta superato Castel d’Azzano, i ciclisti arriveranno in città dalla parte sud, percorrendo via Vigasio, il sottopasso della ferrovia e il sovrappasso dell’A4, via dell’Esperanto, via Copernico, viale del Lavoro, il cavalcavia di viale Piave, il sottopasso della ferrovia su viale Piave, piazzale Porta Nuova, Corso Porta Nuova fino all’arrivo all’altezza di Piazza Pradaval.

I dettagli dell’evento sono stati illustrati oggi dal sindaco Federico Sboarina, insieme agli assessori alla Sicurezza Marco Padovani e allo Sport Filippo Rando e al comandante della Polizia locale Luigi Altamura.

“Mai come stavolta la tappa del Giro ha una grande valore simbolico, a cui leghiamo il desiderio di tutti del ritorno alla normalità, pur se con varie regole – ha detto il sindaco-. E’ la tappa dantesca del Giro, un’intuizione che ancora due anni fa ho condiviso con gli organizzatori, per valorizzare ancora di più l’anno dedicato alle celebrazioni per il Settecentesimo anniversario di Dante. La coincidenza della tappa con la festività del santo Patrono è un’occasione di festa in più per i veronesi. Rispetto alla Cronometro del 2019, la tappa di velocità è senza dubbio meno invasiva, tuttavia le misure di sicurezza sono sempre tante e la macchina organizzativa del Comune è pronta. Per Verona è senza dubbio la tappa della ripartenza, ma stiamo già lavorando per riportare l’arrivo del Giro dentro l’Arena, un traguardo che non conosce eguali”.

“Siamo ai dettagli finali – ha aggiunto Padovani -. Le strade interessate dal percorso sono state accuratamente verificate, laddove necessario siamo intervenuti con nuove asfaltature e migliorie per garantire ai ciclisti il passaggio in massima sicurezza. Sono attesi circa 185 ciclisti e più di 200 mezzi al seguito, non ci sarà il pubblico lungo il percorso ma sarà ugualmente una manifestazione di forte impatto. Massiccia la presenza della Polizia locale per vigilare sull’evento”.

“In piazza Bra verrà allestito l’Open Village del Giro – ha aggiunto Rando-, un modo per permettere ai veronesi di entrare in contatto con la manifestazione rosa, nel rispetto di tutte le misure di sicurezza”.

“Venerdì 21 maggio al Polizia locale sarà presente con 75 agenti, a cui si aggiungono 30 operatori della Protezione civile – ha aggiunto il comandante Altamura -. Per disposizioni ministeriali il percorso di gara inaccessibile già dal primo pomeriggio, mentre i divieti di sosta scatteranno dalla sera prima”.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...