TORINO-MILAN 2-0: IL TORO INCORNA IL DIAVOLO

270

Notte fonda per i rossoneri che vengono puniti e raggiunti in classifica da un Toro più voglioso e determinato. Un discusso rigore di Belotti e un eurogol di Berenguer condannano il Milan all’ottava sconfitta stagionale in campionato. I pochi tentativi rossoneri s’infrangono sulla traversa colpita da Bakayoko sull’1-0. Nel finale espulso per proteste Romagnoli.

LE FORMAZIONI

Gattuso recupera dal 1′ Paquetà in mezzo al campo e lascia in panchina Piatek. In attacco spazio al tridente Suso-Cutrone-Calhanoglu. In difesa Conti prende il posto dell’infortunato Calabria.

TORINO: 3-5-2: Sirigu; Izzo, Nkoulu, Moretti; De Silvestri, Lukic, Rincon(87′ Aina), Meité, Ansaldi; Berenguer(73′ Parigini), Belotti.

MILAN: 4-3-3: Donnarumma; Conti(70′ Castillejo), Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; KessiéBakayoko, Paquetà(61′ Borini); Suso(61′ Piatek), Cutrone, Calhanoglu.

LA CRONACA

Inizio di gara difficile per gli uomini di Gattuso che subiscono il forte pressing dei granata. Al 29′ primo squillo rossonero della gara: sulla destra, Suso, dopo essersi liberato di un paio di avversari, lascia partire un’insidiosa conclusione col destro che non sorprende Sirigu. Al 38′ i padroni di casa si rendono pericolosi: dagli sviluppi di un calcio d’angolo, il Torino libera al tiro Belotti, ma la conclusione del capitano dei granata è facile preda di Donnarumma. Al 43′ Milan ad un passo dal vantaggio: dopo una bella azione corale, Cutrone imbuca centralmente per Calhanoglu che, al momento della conclusione, viene prontamente murato dall’estremo difensore avversario. La squadra di Gattuso chiude in crescendo la prima frazione di gioco che si conclude sul parziale di 0-0.

La ripresa inizia con gli stessi ventidue del primo tempo. Al 56′ l’arbitro Guida assegna un calcio di rigore su un dubbio contatto in area tra Kessié e Izzo. Dal dischetto Belotti non sbaglia e porta in vantaggio i suoi. Al 61′ Gattuso corre ai ripari e passa al 4-2-4: dentro Piatek e Borini al posto di Suso e Paquetà. Al 66′ Milan vicino al pari: da una punizione dalla trequarti, Bakayoko gira di testa verso la porta centrando in pieno la traversa. Sulla ribattuta Cutrone la ributta in mezzo, ma Sirigu è il più lesto e fa sua la sfera. Al 68′ il Torino trova il raddoppio: Musacchio respinge corto un cross dalla destra, Berenguer, a limite dell’area di rigore, controlla e, a l volo, spedisce il pallone nel sette dove Donnarumma non può arrivarci. Al 78′ il Milan sfiora il gol: dalla destra, Castillejo pennella un cross in mezzo per Bakayoko che di testa incorna verso la porta, ma uno straordinario riflesso di Sirigu nega la gioia personale al francese. All’81’ il Milan rimane addirittura in dieci: Romagnoli applaude ironicamente una decisione arbitrale e per Guida è rosso diretto. Al 93′ ultima chance per il Milan con un insidioso tiro-cross di Kessié che viene allontanato dalla difesa del Torino. Gli uomini di Mazzarri riescono nell’impresa di battere e raggiungere i rossoneri in classifica che, ora, rischiano seriamente di abbandonare l’obiettivo Champions.

CORSA AD INSEGUIRE

Risultato pesante che ridimensiona le ambizioni rossonere. Per la Champions, ora,  non dipende più esclusivamente dal Milan. Gli uomini di Gattuso saranno costretti, nelle ultime giornate, a inseguire per raggiungere il quarto posto che al momento, in attesa del match dell’Atalanta, dista due punti. Un Milan ingenuo e sfortunato che, questa sera, si è scontrato prima contro la traversa colpita da Bakayoko, il migliore dei suoi, e successivamente contro due grandi interventi di Sirigu.

FINALE TESO

Una partita tesa e nervosa fin dall’inizio: i rossoneri collezionano ben 6 cartellini gialli e addirittura un’espulsione per proteste da parte di capitan Romagnoli. Una direzione di gara da parte dell’arbitro Guida che ha influito notevolmente al nervosismo rossonero, ma una squadra blasonata ed esperta come il Milan non può lasciarsi andare e compiere certe sceneggiate rischiando di compromettere anche le prossime partite.

Lunedì, alle 20:45, a San Siro, i rossoneri affronteranno il Bologna dell’ex Mihajlovic.

#ANewMilan.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...