fbpx
CAMBIA LINGUA

Pugilato, spettacolo indimenticabile alla Reggia di Venaria con tanti match della Night of Kick and Punch 14

Nel clou della Night of Kick and Punch 14 - Black Tie Edition 2, il campione del mondo dei pesi gallo Wako-Pro Luca Cecchetti ha demolito in tre riprese il fuoriclasse francese Franck Giovanni Gross. Elisabetta Canalis ha superato ai punti Angelica Donati. Andrea Orsini ha battuto Shakib El Kadimi per il vacante titolo italiano dei pesi welterleggeri.

Pugilato, spettacolo indimenticabile alla Reggia di Venaria con tanti match della Night of Kick and Punch 14.

Combattimenti spettacolari, pubblico entusiasta, le telecamere di DAZN a riprendere l’evento, numerosi giornalisti, fotografi e cameraman di quotidiani, riviste, agenzie e reti televisive, la Night of Kick and Punch 14 – Black Tie Edition 2 è stata un successo da ogni punto di vista. La Reggia di Venaria (che è patrimonio mondiale dell’umanità Unesco) ha reso ancora più speciale un evento unico nel suo genere. La Night of Kick and Punch 14 Black Tie Edition 2 è stata organizzata da Angelo e Marianna Valente, in collaborazione con la Sap Fighting Style dell’avvocato Michele Briamonte e con la Reggia di Venaria. Hanno presentato la manifestazione, la popolare influencer Alice De Bortoli e Valerio Lamanna, la voce degli sport da ring in Italia.

La Night of Kick and Punch 14 – Black Tie Edition 2 è stata ospitata all’interno della bellissima Citroniera della Reggia di Venaria. La Citroniera è stata progettata dal celebre architetto italiano Filippo Juvarra e costruita tra il 1722 ed il 1727 ed è lunga 148 metri, larga 14, alta 16 ed è illuminata sul lato sud da grandi finestre. Insomma, una grande location per un grande evento sportivo. Gli spettatori hanno assistito ai combattimenti ed agli spettacoli (tra un match e l’atro) seduti a tavola gustando una cena preparata da uno chef di alto livello. Spettacoli eseguiti da artisti di fama internazionale: Mattia e Giulia hanno fatto rimanere il pubblico a bocca aperta con
un’esibizione di tango acrobatico, il violinista Danilo Artale ha stupito tutti per la sua bravura.

Nel combattimento più importante della serata, il campione del mondo dei pesi gallo Wako-Pro Luca Cecchetti ha demolito in tre round il fuoriclasse francese Frank Giovanni Gross con le regole dello stile K-1: pugni, calci e ginocchiate. Non era prevedibile questa conclusione in quanto Franck Gross ha vinto il titolo mondiale dei pesi gallo Wako-Pro, Iska e del prestigioso circuito olandese Enfusion e si era presentato con un record di 79 vittorie, 10 sconfitte e 1 pari. Si immaginava che sarebbe stato un avversario molto pericoloso per Luca Cecchetti e che il match sarebbe finito ai punti con una vittoria con uno o due punti di vantaggio per l’uno o per l’altro. Invece, Luca Cecchetti ha sempre controllato l’azione, ha colpito con pugni, calci e ginocchiate di grande potenza Franck Gross (che ha visibilmente accusato un pugno al volto ed uno al corpo) ed al termine del terzo round il francese ha capito che non aveva senso proseguire. Se Franck Gross avesse sostenuto anche il quarto ed il quinto round, probabilmente, sarebbe finito knock out. Adesso il record di Luca Cecchetti è di 59 vittorie e 5 sconfitte. “Luca Cecchetti ha dimostrato di essere il vero campione del mondo dei pesi gallo – ha commentato il suo allenatore Angelo Valente – battendo nettamente un avversario esperto e con una grande reputazione a livello internazionale. Luca Cecchetti è capace di battere chiunque nella sua categoria di peso.”

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Il combattimento più mediatico della manifestazione è stato quello tra Elisabetta Canalis ed Angelica Donati con le regole dello stile kick light: pugni al di sopra della cintura, calci ovunque, ma senza affondare i colpi perché il knock out non era previsto. Le due atlete
indossavano caschetto e parastinchi. La distanza era di tre riprese da un minuto e mezzo ciascuna. Elisabetta Canalis ha vinto ai punti mostrando una notevole bravura soprattutto nel tirare calci, ma Angelica Donati merita un applauso per averle tenuto testa soprattutto nel primo round in cui ha anche messo a segno dei buoni colpi. “E’ stato questo match a far venire Mediaset ed altre testate giornalistiche molto importanti alla Reggia di Venaria – commenta Marianna Valente – ma confidiamo che dopo aver visto la kickboxing da bordo ring ne siano rimasti affascinati e inizino a seguirla con regolarità. Un match come quello tra Luca Cecchetti e Franck Giovanni Gross è il miglior spot pubblicitario per la kickboxing.”

Nel match per il vacante titolo italiano dei pesi welterleggeri, Andrea Orsini ha battuto ai punti Shakib El Kadimi al termine di una battaglia spettacolare di quattro riprese da tre minuti ciascuna. “Secondo me, Shakib meritava la vittoria – commenta Angelo Valente – ma i giudici l’hanno assegnata ad Andrea Orsini e dobbiamo rispettare il loro verdetto.”

Nel match valido per il vacante titolo intercontinentale dei pesi superwelter Wako-Pro Nasser Boungab ha battuto ai punti Tommaso Pantarotto del Team Kick and Punch con le regole dello stile K-1 sulla distanza delle 5 riprese da 3 minuti ciascuna.

Negli altri combattimenti con le regole dello stile K-1 e sulla distanza delle tre riprese da tre minuti ciascuna, Georgian Cimpeanu ha superato ai punti Danut Mihai mentre Luca Grusovin ha battuto ai punti Jose Benjamin Mejia. Luca Grusovin è l’attuale campione del mondo dei pesi piuma Wako-Pro. Georgian Cimpeanu è stato campione del mondo dei pesi superwelter Wako-Pro. Sia Grusovin che
Cimpeanu fanno parte del Team Kick and Punch.

Pugilato, spettacolo indimenticabile alla Reggia di Venaria con tanti match della Night of Kick and Punch 14

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×