MILAN-SASSUOLO 0-0: PARI E PALI ROVINANO LA FESTA AI ROSSONERI

Nel giorno del 120esimo anniversario della fondazione del club rossonero, il Milan sbatte contro il muro eretto dalla difesa del Sassuolo. I rossoneri sprecano tanto davanti alla porta di Pegolo e colpiscono due legni con il subentrante Leao. Male Bennacer e Suso.

LE FORMAZIONI

MILAN: 4-3-3: Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, T.Hernandez; Kessié(56′ Paquetà), Bennacer, Bonaventura; Suso(84′ Castillejo), Piatek(77′ Leao), Calhanoglu.

SASSUOLO: 4-2-3-1: Pegolo; Toljan, Marlon, Ferrari(74′ Romagna), Kyriakopoulos; Magnanelli, Locatelli(79′ Obiang); Berardi, Djuricic(69′ Traore), Boga; Caputo.

LA PARTITA

Nonostante la festa sugli spalti (Il Milan ha omaggiato ogni tifoso presente allo stadio con una sciarpa celebrativa dei 120 anni) sono gli ospiti a partire meglio. Al 3′ Marlon serve in area di rigore Caputo che spedisce il pallone alto sopra la traversa. La reazione dei padroni di casa è immediata: al 14′ Bonaventura conclude verso la porta ma uno straordinario intervento di Pegolo che toglie la sfera dall’angolino basso. Buon momento del Milan: al 29′ T.Hernandez mette in mezzo un traversone basso per Calhanoglu che, in solitaria in area di rigore, spedisce incredibilmente il pallone sul fondo. Al 30′ il Milan, dagli sviluppi di un calcio d’angolo,trova il gol grazie ad un bel sinistro dal limite di Theo Hernandez. Il terzino francese si coordina benissimo, ma il suo gol viene annullato dal direttore di gara grazie all’ausilio del VAR per via di un fallo di mano di Kessié che aveva fatto da sponda per il tiro del difensore rossonero.Al 42′ clamorosa occasione per il Milan: Magnanelli sbaglia il retropassaggio verso la propria porta colpendo debolmente il pallone. Bennacer è il più lesto e, una volta intercettato il pallone, si lancia nella metà campo avversaria da solo contro Pegolo che viene facilmente dribblato dall’algerino sulla trequarti per via di un’uscita a vuoto dell’estremo difensore neroverde. Nonostante la porta sguarnita, il centrocampista rossonero tergiversa troppo e, al momento della conclusione, il suo tiro viene intercettato e deviato in angolo da un prodigioso recupero di Berardi.  La prima frazione di gioco termina sul parziale di 0-0.

La ripresa inizia subito con una super occasione per il Sassuolo: Boga lanciato a rete da un errore a metà campo di Bennacer, decide di mettersi in proprio e, giunto a limite dell’area di rigore, sfiora di un soffio il palo alla sinistra di Donnarumma. Il Milan vuol regalarsi la festa e nel giro di cinque minuti crea tre nitide palle-gol. Prima ci prova Bonaventura con un tiro potente dalla distanza, deviato da un difensore neroverde. Da calcio d’angolo, Piatek di testa non riesce a trovare lo specchio della porta. Poi, è la volta di Calhanoglu con un destro dal limite, ma per il turco, così come per i suoi compagni di squadra, l’esito è lo stesso. Al 68′ Paquetà, appena entrato al posto di Kessié, duetta in area di rigore con Piatek che libera il brasiliano alla conclusione, respinta prontamente da un ottimo intervento di Pegolo. Un minuto più tardi, Calhanoglu ci prova con una conclusione da fuori. Sulla ribattuta Bonaventura è il più lesto, ma il centrocampista rossonero tira addosso all’estremo difensore neroverde sprecando il possibile vantaggio. Al 75′ si rifà vivo il Sassuolo con una conclusione da lontano di Berardi che non impensierisce Donnarumma. All’ 82′ dopo una manovra avvolgente del Milan fuori dall’area di rigore, Bonaventura serve Leao, subentrato al posto di Piatek, che, da sinistra, rientra sul destro, e fa partire una splendida conclusione a giro che si infrange sulla traversa. All’86’ destro dalla distanza di Traoré con Donnarumma che, per evitare pericoli, devia in calcio d’angolo. Due minuti più tardi, è ancora Leao a rendersi pericoloso, ma anche questa volta il portoghese viene fermato dai legni: la sua conclusione di sinistro va a sbattersi contro il palo. Nel recupero, T.Hernandez, uno degli ultimi a mollare, va alla conclusione dal limite dell’area, ma il suo tentativo, deviato, viene respinto da Pegolo.
Per Manganiello non c’è più tempo: il Sassuolo strappa un punto a San Siro e, dopo le due vittorie consecutive, il Milan di Pioli rallenta la sua corsa alle zone alte della classifica.

#ACMilan.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...