MILAN-DUDELANGE: LE PAGELLE DEI ROSSONERI

166

Ecco le pagelle di Milan – Dudelange.

MILAN 6
Prestazione da dimenticare per 70′. Ben poco da salvare se non il risultato che permette ai rossoneri di affrontare con maggiore serenità la trasferta greca del 13.

REINA 6
Incolpevole sui gol, non viene mai chiamato in causa. Gara al limite del s.v.

CALABRIA 6+
Dalla sue parti il Dudelange si rende più pericoloso. Le decisioni arbitrali non lo aiutano ma risulta comunque determinante in fase offensiva fornendo il cross per il gol di Cutrone.

SIMIC 6
Buona prova da esordiente per il ceco che si disimpegna bene. Elegante e carismatico, fa spesso a sportellate con gli avversari sulle palle inattive: personalità.

ZAPATA 5,5
Sfortunato e impacciato sul momentaneo vantaggio degli ospiti. Guida senza grossi rischi il reparto difensivo per il resto della gara.

LAXALT 6-
Si rende protagonista di qualche interessante discesa ma non crea pericoli alla difesa avversaria. Da lui ci si aspetta di più.

HALILOVIC 5,5
Pronti via fa vedere che col sinistro ci sa fare. Si spegne col passare dei minuti e Gattuso lo sostituisce al 52′.

BAKAYOKO 6
Gattuso non ne può più fare a meno. Lui lo ripaga con una buona prestazione. Al panico generale dopo il vantaggio lussemburghese sbaglia una serie di passaggi, ma dopo si riprende insieme alla squadra.

BERTOLACCI 5
Molle in occasione del vantaggio del Dudelange, la sua disattenzione sarebbe potuta costare cara. Impreciso in fase di impostazione non sfrutta l’opportunità che gli dà Gattuso dal 1′: bocciato.

CALHANOGLU 7,5
Una luce in fondo al tunnel: firma con un rasoterra dalla trequarti il gol della rimonta e dai sui traversoni nascono gli autogol degli ospiti. Nel finale, fermato dalla traversa, sfiora la doppietta personale.

HIGUAIN 5
Si rende pericoloso solo nei primi cinque minuti poi scompare del tutto dal match. Non riesce a superare i propri avversari e spesso sbaglia tecnicamente gli stop: impacciato.

CUTRONE 7-
Macchia una gara quasi perfetta con l’amnesia della marcatura sul gol di Stolz. Il gol dimostra quanto si stia applicando e di come stia diventando sempre più un bomber d’aria di rigore.

SUSO 6,5 (entrato al 52′)
Contribuisce alla svolta rossonera. Il suo ingresso rasserena i compagni che da lì in poi, si rendono protagonisti di un buon match.

J. MAURI 6,5 (entrato al 58′)
L’autentica sorpresa della serata: il suo ingresso consente ai rossoneri di gestire meglio il pallone e di arrivare con più pericolosità nell’area di rigore avversaria.

BORINI 6,5 (entrato all’ 80′)
Gli bastano 47 secondi per incidere sul match e scrivere il proprio nome sul tabellino dei marcatori: cinico.

GATTUSO 6,5
Mette la propria firma alla vittoria rossonera grazie ai cambi che stravolgono e ribaltano la gara. Di certo, non sarà soddisfatto della prestazione e dell’atteggiamento dei suoi, ma quella che contava erano i tre punti.

#ANewMilan.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...