INTER SPRECONA, LA SOLITA JUVE LA PUNISCE: ALLO STADIUM È 1 A 0

90

Nerazzurri intraprendenti, soprattutto nel primo tempo, ma poco concreti con Gagliardini che colpisce un palo. Nella ripresa Mandzukic non sbaglia e punisce la quadra di Spalletti

Nel calcio vince chi la mette dentro. E la Juve è stata lesta come un gatto, nel momento giusto. Palla a sfilare e Mandzukic a sorprendere tutti e insaccarla di testa, di furbizia. Dall’altra parte Gagliardini fa tutto bene, ma la svirgola sul palo; Politano non trova l’attimo fuggente e si fa murare dalla difesa bianconera. È in questi episodi che si decide il derby d’Italia, bella partita, giocata alla pari dalle due squadre, con l’Inter che per buona parte del primo tempo ha orchestrato il match e anche nel secondo tempo non si è fatta schiacciare e la Juve pronta a sfruttare i pochi errori nerazzurri. Come a Roma si è vista una bella Inter, senza timore, ma per vincere ci vuole cattiveria e ai nerazzurri, per diventare grandi, manca ancora questo ingrediente fondamentale. Per il resto mister Spalletti può rimproverare davvero poco ai suoi e vedere il bicchiere mezzo pieno di una squadra che non ha subito Ronaldo & co, peraltro sempre pericolosi, belli e concreti, anche se meno strabordanti del solito. Merito dei nerazzurri. Però la vetta si allontana e dalle retroguardie le contendenti Champions si fanno avanti, e alla fine conta la classifica. Ora la quaterna infernale vede solo l’ultima di Champions contro il PSV Eindhoven di martedì prossimo a San Siro. Partita decisiva ma non nelle mani dei nerazzurri che dovranno anche sperare che il Barcellona non faccia un passo falso. Un punto in tre partite è davvero poco per una squadra che non ha mai demeritato. Ad maiora. 

Primo tempo

Inter schierata con Handanovic davanti a Vrsaljko, Skriniar, Miranda, Asamoah, Brozovic, Gagliardini, Joao Mario, Perisic, Politano, Icardi. Juventus con Szczesny, Cancelo, Bonucci, Chiellini, De Sciglio, Bentancur, Pjanic, Matuidi, Dybala, Mandzukic, Cristiano Ronaldo. Al 29’ palo dell’Inter: Politano serve Icardi in area che protegge la palla e smarca Gagliardini che incrocia alla sinistra di Szczesny, colpendo il legno. Al 30’ ancora Politano a servire in area ma Skriniar e Perisic si ostacolano e lo slovacco svirgola sul fondo. Al 35’ colpo di testa debole di Mandzukic su traversone di Bentancur: Handanovic para senza difficoltà. Al 35’ Bentancur colpisce sicuro in area su passaggio basso di Cancelo, ma Brozovic la manda in angolo murando il tiro. Al 36’ girata di testa di Chiellini su calcio d’angolo, bella parata di Handanovic. 

Secondo tempo

Al 47’ errore di Matuidi nell’area della Juventus: Icardi e Politano se la passano con l’ex Sassuolo murato all’ultimo da Bonucci. Al 51’ Perisic la mette provvidenzialmente in angolo su cross basso di Matuidi.  Al 52’ pasticcio di Miranda nell’area nerazzurra, ma Dybala non riesce a coordinarsi bene alla fine dell’azione, con la palla fuori. Al 55’ ammonizione per Perisic, in ritardo su Dybala, al 56’ ammonito anche Brozovic, sempre su Dybala nella trequarti juventina. Al 58’ Ronaldo recupera palla sulla trequarti da un disimpegno sbagliato di Miranda: sassata da fuori alta sopra la traversa. Al 59’ Perisic la butta alta di testa su cross teso di Vrsaljko. Al 67’ Cancelo crossa dalla sinistra per il colpo di testa preciso di Mandzukic: Juventus in vantaggio. Al 73’ punizione tirata da Perisic, per fallo su Valero, entrato al posto di Politano: palla deviata in angolo dalla barriera. Al 76’ fuori Joao Mario per Martinez, al 70’ Keita aveva rilevato Gagliardini. Al 77’ il nuovo entrato argentino tenta il tiro dal limite: ne esce un rasoterra basso fuori dallo specchio della porta. Al 79’ azione dell’Inter che porta Keita a tirare in area, palla deviata in angolo. All’80’ ritorno al calcio giocato di Can dopo l’operazione: entra al posto di Pjanic. Al 92’ Martinez svirgola al volo in area, palla fuori. 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...