Inaugura il primo Museo Internazionale del Calcio a Milano

Tanti tifosi avranno sognato di poter vedere e contemplare la maglia indossata da uno dei propri mitici e storici campioni del calcio, esaltando quello stretto rapporto che spesso lega gli appassionati del calcio con i singoli calciatori: possiamo parlare, quindi, delle maglie indossate da vari giocatori in campo nelle diverse competizioni, nazionali, europee e mondiali.
Parliamo di cimeli e di indumenti di giocatori famosi, veri e propri oggetti di culto calcistico dal valore culturale elevato, che hanno segnato la storia del calcio e, pertanto, la storia del nostro Paese, quella sportiva e quella popolare: tutti questi oggetti saranno esposti in modo permanente all’interno del primo Museo del Calcio Internazionale a Milano.

Il Museo inaugura il 15 Dicembre e sorge nella Galleria Vittorio Emanuele 11/12, angolo piazza della Scala, ingresso davanti all’Urban Center, al quarto piano di una struttura, quella di un’architettura risorgimentale, le cui finestre affacciano sulla suggestiva e panoramica passeggiata sui tetti della Galleria, contemplando una delle espressioni artistiche più prestigiose del capoluogo meneghino. Il museo non vuole essere solo celebrazione in senso autoreferenziale e campanilistico delle due squadre milanesi, ma vuole portare i simboli del calcio in una dimensione mondiale, internazionale, affermando, finalmente, quella sana concezione che porta ad apprezzare quello che dovrebbe essere il significato di questa disciplina, ossia equo e rispettoso confronto agonistico tra i popoli e le nazioni.

L’inaugurazione vede l’assessora al Turismo, Sport e Qualità della vita del Comune di Milano, Roberta Guaineri, partecipare alle ore 17 al taglio del nastro di questa nuova realtà espositiva milanese, che si aggiunge alle diverse, molte e varie, occasioni museali della città e che assumono sempre di più un calibro internazionale tipico di poli di forte attrazione turistica.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Del museo si parla da diversi mesi, tanto che la proposta è venuta da AlessandroRosso Group, soggetto divenuto leader nella realizzazione di siti meneghini di grande interesse culturale e paesaggistico, ricordiamo che è opera di questa realtà la ristrutturazione della camminata sui tetti della Galleria, quel sentiero che si innesta tra strutture risorgimentali e la vista panoramica su tutta la città, godendo anche il moderno skyline meneghino. Nel museo sarà custodito il ‘dna’ di 150 campioni del mondo, ridisegnando i grandi della storia del calcio attraverso maglie e scarpini, e si potrà contemplare coppa originale della Champions League con l’incisione dell’ultima vittoria da parte del Real Madrid nel 2016.

Articolo di Alessandro Rizzo


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...