IL TORO MARTINEZ MATA IL CAGLIARI, L’INTER C’È

136

Spalletti chiama e Martinez risponde. Il mister nella conferenza stampa pre-partita aveva lanciato Lautaro, terminale offensivo importante per l’Inter e «calciatore caratterialmente tosto, come altri quando sono arrivati all’Inter». Lasciandosi sfuggire anche un’invocazione a mantenerlo quel carattere, non come altri che hanno rischiato di smarrirlo. Faremo di tutto per tutelarlo la conclusione di Luciano da Certaldo. E il Toro ha matato il Cagliari con un gol al primo guizzo, qualche acrobazia per il loggione della Scala del calcio, giocate da centravanti, ma anche da trequartista e pure un accenno di veronica ai danni dei difensori del Cagliari, trasformandosi da toro a matador. La settima giornata dice che l’Inter ampiamente rimaneggiata non è probabilmente a livello della Juventus due, ma può reggere un ampio turnover nelle partite non di cartello. La partita è stata a tratti piacevole, il gioco dei nerazzurri anche pregevole, senza mai farsi mancare qualche momento di black out e lasciare San Siro del tutto tranquillo. Ma questa sera conta il risultato, conta la buona prestazione di Politano, che si è sbloccato con un bel gol nel finale, conta la classifica, ma conta soprattutto avere ritrovato il Toro. Ora sarà importante tutelarlo…

Primo tempo

Turnover protagonista nella settima giornata di campionato, quella che nelle intenzioni di mister Spalletti segna l’inizio della settimana che potrebbe portare l’Inter a fare un passo decisivo verso le squadre che sono scappate via. E per conservare giocatori freschi in vista della trasferta di mercoledì a Eindhoven ecco ben cinque titolari in panca: Icardi lascia il posto a Lautaro Martinez, Skriniar a Miranda, Asamoah a Dalbert, Perisic a Politano e Brozovic a Valero. L’unico a fare gli straordinari è Danilo D’Ambrosio che deve sopperire all’assenza forzata di Vrsaljko per infortunio. Ne esce un primo tempo gradevole, con i nerazzurri a giocare una partita diversa, Candreva più attaccante fisso che ala, Dalbert a tratti ispirato e il tandem D’Ambrosio-Politano sulla destra come principale catena del gioco. Sembra una Inter camaleontica, dal 4-3-3 con la linea degli attaccanti che si sfilaccia con Martinez più avanzato e a tratti Nainggolan o Candreva a fare coppia con Lautaro in stile 4-4-2. È da un’azione di Dalbert sulla sinistra però che nasce l’azione del gol: traversone e Lautaro anticipa tutti sul primo palo. Il match rimane a senso unico, ma il Cagliari ha qualche occasione e il divertimento non manca. Un San Siro un po’ freddo si scalda per un paio di giocate del Toro Martinez che tenta anche una veronica al limite dell’area e piazza una mezza rovesciata a centrocampo a a innescare un bel contropiede sulla sinistra della porta difesa da Cragno.

Secondo tempo

Cagliari più intraprendente in avvio di ripresa e mister Spalletti per segnare un cambio di ritmo butta nella mischia Brozovic dopo una decina di minuti con l’Inter che assume sembianze più tradizionali 4-2-3-1 con il croato a fare coppia in mediana con Valero. Poi spazio anche per Perisic per Candreva e Vecino per uno stanco Valero.  Secondo tempo meno di marca interista, con il Cagliari che a tratti si fa pericoloso e qualche palla di troppo sbagliata dai nerazzurri. Il Cagliari la metterebbe anche dentro con Dessena su azione scaturita da un corner, ma la VAR annulla per un tocco di braccio. I nerazzurri sembrano accusare una di quelle pause denunciate da mister Spalletti nella conferenza pre-partita. L’Inter attacca, Martinez è sempre pericoloso, ma non c’è da stare tranquilli perché il Cagliari rimane insidioso e un gol di scarto è troppo poco. Fino al minuto 88 quando la bomba di Politano e l’urlo liberatorio di San Siro consacrano il provvisorio quarto posto della Milano nerazzurra.

Cronaca

4’ azione D’Ambrosio-Politano sulla destra, Naingoolan la allunga in area per Martinez, ma Cragno lo anticipa; al 7’ cross di Politano dalla destra che attraversa pericolosamente tutta l’area e viene spazzato via da un difensore cagliaritano; 11’ cross lungo di Dalbert e Lautaro Martinez alla prima vera occasione anticipa tutti e la butta dentro; 13’ Gagliardini di testa la butta fuori su calcio d’angolo; 18’ Politano si accentra e tira, palla ribattuta da Klavan; 22’ Martinez se l’allunga troppo in area e perde il momento decisivo; 27’ azione pericolosa del Cagliari, Faragò dalla destra la mette su Handanovic che anticipa di pugno Pavoletti; 33’ Martinez scappa sulla destra, lancio rasoterra per Candreva che la cicca al centro dell’area; 35’ Faragò crossa lungo, da sinistra, la palla attraversa pericolosamente tutta l’area interista; 41’ acrobazia di Martinez a centrocampo che lancia Nainggolan sulla destra, sull’azione Candreva la spara da due passi addosso a Cragno; 41’ azione sul filo del fuorigioco di Sau dalla destra che, braccato da Dalbert, la tira alta; 42’ azione Dalbert-Candreva sulla sinistra, taglio a rientrare su Martinez del brasiliano, ma i difensori cagliaritani la spediscono in angolo.

49’, lancio in area di Valero che diventa un tiro in porta, deviato in angolo da Cragni; 61’ Joao Pedro conclude a giro sopra la traversa interista; 61’ azione Nainggolan-Candreva da sinistra a destra: Antonio da due passi la tira sul piede di Cragno; 68’ Politano si gira e la sbatte violentemente su Cragno dal limite dell’area, palla deviata in angolo; 70’ azione pericolosa del Cagliari su contropiede più volte fermato dai giocatori interisti e alla fine ne scaturisce un angolo; 71’ pareggio Cagliari sul corner, la insacca Dessena, ma io gol viene annullato dalla Var per tocco di braccio dello stesso Dessena; 74’ su calcio d’angolo de Vrij di testa appena sopra la traversa; 80’ Martinez lancia Plitano sulla destra dalla metà campo nerazzurra, Antonio la restituisce a Lautaro che però arriva stanco e se la allunga al momento del tiro; 84’ Politano dalla destra, rasoterra insidioso, bloccato da Cragno; 88’ Perisic stoppato all’ultimo da Anfreolli in angolo, dal corner scaturisce l’azione del secondo gol interista, segnato da Politano che prima controlla e poi la scaraventa violentemente alla destra di Cragno; 92’ tacco di Martinez in area, anticipato dai difensori del Cagliari.

ARTICOLO di Claudio Primavesi

TABELLINO

Inter 2 (Martinez 11’, Politano 88′) – Cagliari 0

Inter (4-3-3) Handanovic, D’Ambrosio, de Vrij, Miranda, Dalbert, Gagliardini (56’ Brozovic), Valero (81’ Vecino), Nainggolan, Politano, Candreva (69’ Perisic), Martínez

Cagliari: (3-5-2) Cragno, Andreolli, Dessena, Bradaric (59’ Joao Pedro), Klavan (45’ Pisacane), Barella, Ionita, Faragò, Sau, Pavoletti, Srna

Ammoniti: 43’ Andreolli, 49’ Bradaric, 56’ Pisacane, 73’ Dessena, 85’ Dalbert

Arbitro: Davide Massa (Sez. Imperia)

Assistenti: Liberti, Di Iorio

Quarto uomo: Abbattista

V.A.R., A.V.A.R: Chiffi, Lo Cicero


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...