Fase2, Slitta la riapertura di palestre e piscine in Lombardia

Milano, 18 Maggio 2020 – Retromarcia della Regione rispetto al dpcm firmato ieri dal premier Giuseppe Conte. In Lombardia piscine e palestre resteranno chiuse fino al 31 maggio.
È quanto prevede l’ordinanza del presidente della Regione Attilio Fontana. Nel resto d’Italia, per questa fase2, le piscine e le palestre potranno riaprire dal 25 maggio, a differenza della Lombardia che ha deciso di prolungare la loro chiusura di un’ulteriore settimana.

“L’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, ovvero presso altre strutture ove si svolgono attivita’ dirette al benessere dell’individuo attraverso l’esercizio fisico, sono consentite, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, a decorrere dal 25 maggio 2020″. Questo è quanto prevede il dpcm sulle riaperture.

“A tali fini – si legge nel testo – sono emanate linee guida a cura dell’Ufficio per lo Sport, sentita la FMSI, fatti salvi gli ulteriori indirizzi operativi emanati dalle regioni e dalle province autonome, ai sensi dell’art. 1, comma 14 del decreto-legge n. 33 del 2020. Le Regioni e le Province Autonome possono stabilire una diversa data anticipata o posticipata a condizione che abbiano preventivamente accertato la compatibilita’ dello svolgimento delle suddette attività con l’andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e che individuino i protocolli o le linee guida applicabili idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali anche in settori analoghi”.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...