DOPPIO ICARDI E BROZOVIC: LA LAZIO NON C’È E L’INTER VOLA AL SECONDO POSTO

144

Partita convincente dei nerazzurri, probabilmente la migliore della stagione, nello stadio dove a maggio avevano conquistato in rimonta la Champions League. Lazio mai in partita e battuta 3-0

La Lazio non sarà il Barcellona, ma questa sera è l’Inter che ha fatto il Barça. Una vittoria senza se e senza ma, cercando il possesso palla, sfiancando l’avversario, facendo sempre gioco anche se fuori casa. Una vittoria convincente, al termine di una partita giocata bene, con fasi di bel calcio. Un primo tempo perfetto, qualche svista nella ripresa (abbiamo perso quindici palle con le quali potevano fare correre 5 chilometri in più l’avversario, ha detto Luciano Spalletti), ma il risultato mai veramente in discussione, perché questa volta l’Inter aveva già chiuso la pratica alla fine del primo tempo con il raddoppio di Brozovic. Alla sesta vittoria consecutiva in campionato l’Inter trova la convinzione della grande, oltre che un secondo posto impensabile poco più di un mese fa. La condizione cresce, il gioco ci guadagna, la difesa è impenetrabile, la palla gira sempre meglio. In mediana c’è un Brozovic insostituibile, là davanti un Icardi implacabile. La matematica non è un’opinione e un gol nelle ultime quattro partite fa da contrappunto ai sei stagionali di Maurito, a meno uno da CR7. Mister Spalletti dirige l’orchestra all’unisono e azzecca anche formazioni e cambi. Joao Mario in campo dal primo minuto è una scommessa rischiosa, invece il portoghese ripaga la fiducia con 45 minuti di valore (che possa diventare il centrocampista che mancava all’Inter?), Valero entra in corsa e si fa trovare pronto. Il mister si può permettere anche di lasciare in panca uno dei migliori difensori centrali in circolazione, Stefan de Vrij (scelta ambientale, come confermato dallo stesso Spalletti alla fine del match). Che cosa può fermare questa Inter? L’Inter… ma quella vista stasera, soprattutto nel primo tempo, potrebbe anche non fermarsi.

La cronaca

Inter in campo con Handanovic, Vrsaljko, Miranda, Skriniar, Asamoah, Vecino, Brozovic, Politano, Joao Mario, Perisic, Icardi. Risponde la Lazio con Strakosha, Luis Felipe, Acerbi, Radu, Marusic, Parolo, Badelj, Milinkovic Savic, Lulic, Immobile, Caicedo. Inter subito in avanti e alla ricerca del gioco. Al 3’ cross di Vrsaljko con deviazione alta di Vecino, al 5’ ci prova la Lazio con Parolo che gira su passaggio di Lulic. Poi, come dice l’inno dei nerazzurri, c’è solo l’Inter: al 9’ Joao Mario per Perisic e Icardi che sul secondo palo non trova l’attimo giusto; al 23’ tiro a girare di Perisic; al 16’ colpo di testa di Skriniar. Al 28’ arriva il vantaggio con il solito Icardi: Politano-Perisic-Vecino e l’uruguagio serve Maurito che la insacca di esterno destro a tu per tu con Strakosha. Al 37’ colpo di testa di Vecino su punizione di Politano, con l’estremo difensore biancazzurro che la para in due tempi; al 40’ ancora Vecino servito in area da Icardi, con Strakosha che la butta in angolo. Sull’angolo la palla arriva a Brozovic che centra l’angolo alla destra di Strakosha con una fiondata secca da 20 metri: rasoterra imprendibile e 2-0. La Lazio nel frattempo ha perso anche Badelj, sostituito da Cataldi. La ripresa, almeno nei primissimi minuti, sembra dare la carica alla Lazio; al 3’ Cataldi tira una punizione insidiosa, respinta da Handanovic con i pugni. Al 12’ fuori Joao Mario per Valero, al 20’ Politano la spara alta, al 22’ tentativo di Marusic, deviato in angolo da Handanovic. Caicedo lascia il posto a Correa nelle fila della Lazio, ma la musica non cambia: minuto 25’, Borja Valero imbecca Icardi sulla destra, filtrando magistralmente la difesa. Il gol di Maurito è da manuale: destro, rientro di sinistro e doppietta con la palla che passa tra Strakosha e il palo interno. La Lazio continua a cercare generosamente almeno il gol della bandiera e al 29’ Handanovic si salva con il piede su Correa, al 37’ lo sloveno si trova anche a tu per tu con Immobile, ma il cielo sopra Roma questa sera non è azzurro, è nerazzurro. 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...