fbpx

Serie A, 13^ giornata: il Derby d’Italia finisce pari, sorpasso e fuga rimandate

La Roma di Mourinho supera l’Udinese all’Olimpico

Serie A, 13^ giornata: il Derby d’Italia finisce pari, sorpasso e fuga rimandate.

Cagliari-Monza (1-1)

I sardi, reduci dalla sconfitta rimediata contro la Juve, vogliono tornare a fare punti. A caccia del quarto risultato utile consecutivo il Monza, che non perde da più di un mese. Ranieri si mette a specchio rispetto a Palladino. Confermato Viola sulla trequarti, per innescare la velocità di Luvumbo e la fisicità di Petagna. Palladino recupera Colombo, schierato al centro dell’attacco, insieme a Colpani e Mota.

Il gol del momentaneo vantaggio rossoblu è di Dossena. Corner a uscire di Viola. Di Gregorio risponde ad un primo colpo di testa di Goldaniga, ma non può nulla sul tap-in successivo di Dossena. Dagli sviluppi di un corner arriva il definitivo pareggio dei brianzoli. Cross di Kyriakopoulos e colpo di testa di Maric che sigla il suo primo gol in Serie A.

cagliari-monza

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

 

Empoli-Sassuolo (3-4)

Il Sassuolo, che ha ottenuto appena 12 punti in questo campionato, cerca riscatto. L’Empoli deve vincere se vuole allontanarsi dalla zona retrocessione. Andreazzoli confermati gli 11 che hanno sbancato il Maradona nello scorso turno. Dionisi sceglie Bajrami sulla trequarti. A centrocampo torna Henrique al fianco di Boloca. 

Partita scoppiettante al Castellani, con le due squadre che si affrontano a viso aperto, senza esclusione di colpi. Il risultato si sblocca dopo appena 3 minuti, grazie al penalty trasformato da Caputo. Il Sassuolo reagisce subito, ribaltandola con Pinamonti prima e con Henrique poi, entrambi di testa. Alla mezz’ora arriva il 2-2 di Fazzini. Alla fine gli ospiti la spuntano nel finale grazie ad uno strepitoso Berardi, protagonista di una grande doppietta, prima su rigore e poi con un tiro velenoso per il 3-4 finale. Nel mezzo la rete del momentaneo pareggio di Kovalenko.

berardi

 

Frosinone-Genoa (2-1)

Dopo una partenza sorprendente, il Frosinone ha portato a casa solo una vittoria nelle ultime tre partite. Vittoria pesante per il Genoa nel turno precedente contro il Verona a Marassi. Di Francesco fa partire dal 1’ minuto Cheddira, intoccabili Soulè e Renier, con Ibrahimovic a completare il terzetto. Gilardino, viste le assenze di Retegui e Gudmundsson sceglie il nuovo tandem offensivo formato da Malinovskyi e Puscas.

Gol del Frosinone al minuto 34. Splendido tiro dal vertice dell’area di Soulè, che buca le mani di Martinez, un po’ goffo nell’intervento sul tiro dell’argentino. Eurogol di Malinovskyi dopo appena 4 minuti. Sinistro improvviso dai 25 metri dell’ucraino, che batte Turati all’incrocio dei pali. Nel recupero, è Monterisi a regalare i tre punti a Di Francesco. Brescianini la mette dentro per il difensore gialloblu, che batte abilmente Martinez.

frosinone-genoa

 

Roma-Udinese (3-1)

La Roma ospita all’Olimpico l’Udinese per questa sfida valevole per la 13^ giornata di Serie A. I giallorossi, con una vittoria, riacciufferebbero la zona Europa, i bianconeri si smarcherebbero dalla zona retrocessione. Mourinho ripropone Pellegrini sulla trequarti, con la confermatissima coppia d’attacco formata da Dybala e Lukaku. Cioffi risponde con Success da prima punta, supportato da Thauvin.

La sblocca Mancini al 20′. Punizione tagliata di Dybala, sul secondo palo svetta il difensore giallorosso. Gol del momentaneo pareggio siglato al minuto 57 da Thauvin. Cross di Payero sul secondo palo, il francese anticipa tutti e batte Rui Patricio con un colpo di testa millimetrico. Torna al gol Dybala. All’81’, il numero 21 giallorosso porta in vantaggio la squadra di Mourinho. Verticale di Bove per Lukaku, che la tocca quanto basta di prima per la Joya che spiazza Silvestri con il sinistro. Nel finale c’è spazio anche per il 3-1 di El Shaarawy, che incanta l’Olimpico con un bellissimo tiro a giro.

dybala

 

Juventus-Inter (1-1)

I bianconeri, nonostante le numerose assenze, si presentano al Derby d’Italia nel momento più promettente della stagione. I nerazzurri arrivano a Torino da primi della classe, grazie alle 10 vittorie collezionate in 12 giornate. Allegri si affida alla coppia, fin qui poco prolifica, formata da Chiesa e Vlahovic. La squadra di Inzaghi entra in campo con il tandem, finora scatenato, composto da Lautaro e Thuram.

La sblocca Vlahovic al minuto 27. È il numero 9 che fa partire l’azione, stoppando un pallone difficile sulla trequarti e lanciando Chiesa in campo aperto. Il numero 7 entra in area e serve Vlahovic, che apre il piattone destro e beffa Sommer. Il pareggio degli ospiti arriva nel giro di pochissimi minuti. Segna il solito Lautaro. Azione frenetica dell’Inter, che con 4 passaggi veloci e verticali arriva su Thuram che la crossa bassa al centro dell’area per il capitano nerazzurro. Il Toro anticipa Gatti e la infila ad incrociare verso il palo lontano.

Nella ripresa poche emozioni, con le squadre che restano compatte nelle rispettive metà campo. Cuadrado, ex della partita, viene fischiato a lungo dallo Stadium al suo ingresso in campo. Con questo pareggio, restano invariate le rispettive posizioni e le distanze in classifica tra Juve e Inter. A beneficiare di questo pari, le dirette inseguitrici Milan e Napoli.

vlahovic

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×