fbpx
CAMBIA LINGUA

Napoli, per ora niente esonero per Rudi Garcia: Conte e Tudor i possibili sostituti

Oggi un vertice tra presidente e allenatore in un albergo di Napoli

Napoli, per ora niente esonero per Rudi Garcia: Conte e Tudor i possibili sostituti.

Rudi Garcia è finito di nuovo in discussione, dopo la pesante sconfitta con la Fiorentina davanti ai tifosi azzurri presenti al Maradona. La posizione dell’allenatore è al vaglio del presidente De Laurentiis, preoccupato, così come tutto l’ambiente, dall’andamento della squadra nelle ultime partite.

Al momento, guardando la classifica di Serie A, il Napoli campione d’Italia sarebbe virtualmente fuori dalle prime posizioni che garantirebbero la partecipazione alla prossima Champions, traguardo imprescindibile per il club. Ancora più lontana la vetta della classifica, su cui gli azzurri erano saliti con merito, insieme a mister Spalletti, durante la scorsa stagione.

Oggi si è tenuto un vertice tra presidente e allenatore in un albergo di Napoli, per rivedere insieme cosa abbia causato il clamoroso calo di rendimento della squadra, apparso ancora più evidente in occasione del ko con i ragazzi di Italiano.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

La prestazione particolarmente deludente e la gestione dei cambi molto discutibile sono gli aspetti che sono stati approfonditi durante la riunione, alla presenza anche del direttore sportivo Meluso e del responsabile dell’area scouting Michel. Preoccupa, soprattutto, la mancanza evidente di empatia tra il gruppo e l’allenatore, sfociata nelle reazioni scomposte di alcuni giocatori alle sostituzioni volute da Garcia.

Secondo quanto riporta Sky Sport, in queste ore la proprietà non avrebbe “manifestato apertamente la volontà di interrompere il rapporto di lavoro”, ma la riflessione è inevitabilmente aperta e condizionata anche dagli eventuali sostituti.

Per ora, l’unico profilo davvero spendibile sembra quello di Antonio Conte, vecchio pallino di De Laurentiis. In realtà, le elevate richieste di stipendio dell’ex tecnico nerazzurro e un carattere forte (che potrebbe scontrarsi con quello del presidente) potrebbero essere degli ostacoli non da poco.

In secondo piano c’è Igor Tudor. L’ex allenatore di Udinese, Verona e Marsiglia è svincolato e la sua ultima squadra è stata proprio quella francese – ora allenata dall’ex tecnico azzurro Gattuso -, una piazza che per calore ricorda tanto quella di Napoli.

conte e tudor

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×