Messina, scoperta dell’epigrafe dedicata a Miguel De Cervantes er il 450° anniversario del suo arrivo in città

La targa marmorea riporta il periodo in cui Cervantes rimase ricoverato nel Grande Ospedale per curare le sue ferite riportate durante la Battaglia Navale di Lepanto

Messina, scoperta dell’epigrafe dedicata a Miguel De Cervantes er il 450° anniversario del suo arrivo in città.

Alla presenza dell’Assessore alla Cultura Enzo Caruso, del Presidente del Rotary Club “Stretto di Messina” Piero Federico e di una rappresentanza di soci del Club Service, nella Piazza del Tribunale di Messina, ove sorgeva il Grande Ospedale, è stata scoperta l’epigrafe dedicata alla presenza di Miguel De Cervantes Saavedra, realizzata dal Rotary per il 450° anniversario del suo arrivo a Messina.
Il testo della targa marmorea, dettato dallo storico Nino Principato, riporta il periodo in cui Cervantes rimase ricoverato nel Grande Ospedale dal 1 novembre 1571 al 24 aprile del 1572, per curare le sue ferite riportate durante la Battaglia Navale di Lepanto, combattuta il 7 ottobre 1571, insieme a migliaia di feriti della Flotta della Santa Lega che venne accolta nel porto di Messina, da cui partì nei primi giorni di settembre dello stesso anno.
“Siamo grati al meritorio impegno del Rotary ‘Stretto di Messina’ – dichiara l’Assessore alla Cultura e alla Toponomastica Enzo Caruso – per il contributo offerto nell’apposizione di targhe toponomastiche, d’intesa con l’Amministrazione comunale, che restituiscono identità di personaggi e riferimenti a pagine di storia cittadina a cui nel tempo sono state intitolate, vie e piazze, consentendo un graduale recupero della memoria, cancellata dal tragico Terremoto del 1908″.

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...