Vicenza contro la violenza di genere, dal 25 novembre una settimana di iniziative

“Basta violenza di genere”, fino al 3 dicembre Vicenza promuove giornate d’azione per la sensibilizzazione sul tema

Vicenza, anche per il 2021 il Comune di Vicenza propone alcune iniziative di sensibilizzazione in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, in programma ogni anno il 25 novembre.

 

Il calendario di iniziative, che ha preso il via lo scorso 23 ottobre, prevede, fino al 3 dicembre, spettacoli teatrali, incontri, presentazioni di libri, mostre e un momento di riflessione come marcia silenziosa a distanza. Inoltre, per l’intero anno scolastico 2020/2021 nelle scuole secondarie di secondo grado di Vicenza e provincia si è tenuta una campagna di informazione sul tema della violenza di genere e in genere con vari professionisti.

 

Gli eventi sono a promossi dall’assessorato alle pari opportunità del Comune in collaborazione con la Consulta comunale per le politiche di genere e varie associazioni cittadine.

 

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Ad illustrare le giornate d’azione contro la violenza sulle donne in programma fino al 3 dicembre, questa mattina, nella sala degli Stucchi di Palazzo Trissino sono l’assessore con delega alle pari opportunità Valeria Porelli, la vicepresidente della Consulta comunale per le politiche di genere Annalisa Zanon e alcuni organizzatori degli eventi.

 

“Ogni 72 ore in Italia viene uccisa una donna – ha spiegato l’assessore con delega alle pari opportunità Valeria Porelli –: ciò significa che tutti gli interventi promossi fino ad oggi contro l’eliminazione della violenza sulle donne continuano a non essere sufficienti. Uno dei modi più efficaci resta la prevenzione e su questo il Comune si adopera non solo in occasione della ricorrenza del 25 novembre, organizzando un calendario di iniziative in collaborazione con la Consulta comunale per le politiche di genere e varie associazioni cittadine, ma tutto l’anno. È fondamentale contribuire il più possibile alla sensibilizzazione sul tema, a partire dalle giovani generazioni, così da promuovere il cambiamento di cultura necessario a far venire meno questa terribile piaga sociale”.

Giovedì 25 novembre, alle 20.30, nella sede della biblioteca di Villa Tacchi si terrà il quinto appuntamento del ciclo di incontri “Siamo storie: donne, isole, frontiere” sul tema “I diritti dei coniugi, o dei conviventi”, nelle questioni che riguardano le decisioni economiche della famiglia, quali antidoti alla violenza economica, a cura dell’avvocato Roberta Ruggeri.

Gli incontri, che si sono svolti dal 28 ottobre nelle sedi decentrate della Bertoliana, sono stati proposti dalla Biblioteca Bertoliana e dall’associazione Donna chiama donna.

Vari gli argomenti affrontati, anche al fine di promuovere una cultura della parità di genere e delle pari opportunità, della lotta agli stereotipi e ai pregiudizi, con un occhio di riguardo alla prevenzione delle situazioni di violenza rivolta contro le donne.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

 

Giovedì 25 novembre, alle 21, al Ridotto del Teatro Comunale di Vicenza, l’associazione culturale Theama Teatro propone lo spettacolo teatrale “La vespa”, con Guenda Goria e Miriam Galanti. Il thriller psicologico di Morgan Lloyd Malcom affronta il tema della donna e della violenza di genere in tutte le sue forme con particolare profondità e acutezza. Caratterizzato da un linguaggio tagliente e diretto come la creatura da cui è ispirato il titolo, è una saga pungente, violenta a volte divertente, spesso dolorosa. Ha debuttato per la prima volta il 31 agosto scorso al Festival di Todi. L’ingresso intero è di 14 euro, più 2 euro di diritti di prevendita, mentre il ridotto è di 10 euro più 1,50 euro di diritti di prevendita. Per informazioni e prevendite www.tcvi.it e biglietteria del Teatro Comunale (tel. 0444 324442, dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 12.30).

 

Sabato 27 novembre la tradizionale marcia silenziosa sarà organizzata, nel rispetto delle disposizioni anticontagio, come momento di riflessione a distanza sul tema “Assumiamo ciascuno ogni possibile iniziativa per cancellare il femminicidio!”. L’iniziativa, per ricordare tutte le donne che, anche in questo tempo, hanno subito violenza, è organizzata dall’associazione Donne Medico della Provincia di Vicenza, la Consulta per le politiche di genere del Comune di Vicenza e il Centro Antiviolenza comunale di Vicenza. Per informazioni: [email protected]

 

Sempre sabato 27 novembre, alle 16.30, al Centro di aggregazione dei Ferrovieri, in via Vaccari 107, l’associazione Auser “Circolo Le rose” propone un incontro di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne “Voci di donne”.

Interverranno Anna Coda, psicologa e psicoterapeuta; Nadia Abeci, presidente Auser territoriale Vicenza; Antonio Gregolin, giornalista con esposizione artistica; An-De…e Cantè canti popolari tradizionali; Clessidra Poetica, gruppo di poesia; soci Auser con letture e musica. Verrà allestito anche un mercatino di raccolta fondi in favore del Centro Anti violenza del Comune di Vicenza. La partecipazione è libera. Per info: [email protected]

 

Venerdì 3 dicembre alle 17 nella sala Stucchi di Palazzo Trissino, si terrà la presentazione del libro “Amore è gioia” di Pilar Castiglia. Avvocato ed attivista contro abusi e maltrattamenti sulle donne, l’autore spiega la violenza sulle donne. È un libro bussola per orientarsi nella conoscenza dell’amore vero, autentico e per riconoscere i segnali di allarme per non cadere nel vortice delle relazioni malate e pericolose. Ingresso su prenotazione fino ad esaurimento posti. Info: [email protected]

 

Infine, nell’anno scolastico 2020/2021 le scuole secondarie di secondo grado di Vicenza e Provincia hanno affrontato il progetto educativo-formativo ““Schegge” – Per favore non chiamateli uomini”. L’associazione culturale “L’Ideazione”, avvalendosi del Comune di Vicenza, dell’Aulss 8 Berica, del Comitato pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati della Provincia di Vicenza, dell’Associazione Donne Medico, del Centro Antiviolenza, dell’Associazione divieto di femminicidio, del La.B.I.S., della Società Generale di Mutuo Soccorso, del Centro Ares di Bassano e di numerosi altri professionisti, prosegue la campagna di informazione, iniziata 4 anni fa, negli istituti superiori sul tema della violenza di genere e in genere. Sono indispensabili le azioni di informazione e formazione rivolte ai giovani e alla cittadinanza per favorire una maggiore consapevolezza del fenomeno e la capacità di contrastarlo. Il progetto nasce dal libro “Schegge, per favore non chiamateli uomini” scritto da Rossella Menegato che raccoglie 26 schegge, racconti, di storie di violenza realmente accadute in territorio vicentino. Info: [email protected].

 

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...