Milano, preso rapinatore seriale

205

Rapinatore specializzato in minimarket e supermercati bengalesi in manette. Si tratta di L.B., trentatreenne campano arrestato dagli agenti del Commissariato Quarto Oggiaro con il contributo degli investigatori dell’Ufficio Statistiche e Analisi Criminale della Divisione Anticrimine. Quattro le rapine più una tentata commesse dall’uomo tra fine Agosto e inizio Settembre 2018. L’uomo, che era privo di precedenti penali, agiva a volto scoperto, puntando un coltello verso i gestori dei minimarket, tutti di origini bengalesi, facendosi consegnare l’incasso (in tutti i casi da poche decine fino ad un massimo di 300 euro) fuggendo poi a bordo di una Smart bianca.

Come da filmato allegato, il rapinatore non esitava ad avvicinare le vittime e puntare il coltello a brevissima distanza. Si trattava di rapine estremamente pericolose, considerato il rischio di colluttazione con i gestori. Le rapine, avvenute in zone diverse tra loro (via Anguissola, via Lorenteggio e via Console Marcello, zona di Viale Certosa, ed una tentata in via Rembrandt), sono state “collegate” tra loro dagli operatori della Divisione Anticrimine che utilizzando e implementando il software KeyCrime con i dati ricavati dalla visione dei filmati ed incrociando i dati delle telecamere di videosorveglianza sono riusciti ad identificarlo.

A questo punto è scattata l’attività operativa del Commissariato di Quarto Oggiaro, che ha svolto una serie di riconoscimenti presso le vittime e, avuta conferma dell’identità del soggetto, lo ha tempestivamente rintracciato e sottoposto a perquisizione sia domiciliare, che dell’autovettura utilizzata per i “colpi”. All’interno dell’abitazione sono stati trovati i vestiti utilizzati per le rapine (le polo, i bermuda e le scarpe riprese in tutti i video delle telecamere di sicurezza degli esercizi commerciali) e sotto casa dell’uomo parcheggiata la Smart utilizzata per le rapine.

Tra l’altro, in una delle rapine, uno dei gestori aveva inseguito l’uomo fino alla macchina che colpiva con un pugno mandando in frantumi un finestrino; l’auto è stata trovata dai poliziotti del Commissariato con il vetro intatto, con all’interno la ricevuta della sostituzione dello stesso avvenuta il 31 agosto ed il coltello utilizzato per la rapina.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...