Milano, 27enne agli arresti domiciliari ricondotto in carcere dopo una visita di alcune persone

Il giovane era riuscito a mettere a segno un colpo in un appartamento, impossessandosi di gioielli e altri oggetti per un valore di oltre 150.000 euro

Milano, 27enne agli arresti domiciliari ricondotto in carcere dopo una visita di alcune persone.

Nell’ambito dei costanti controlli dei soggetti sottoposti a restrizione della libertà personale, la Polizia di Stato di Busto Arsizio ha ricondotto in carcere un giovane di 27 anni, ristretto ai domiciliari, autore di un furto in abitazione nel milanese.

Poco meno di un anno fa un giovane di 27 anni, insieme a quattro complici, era riuscito a mettere a segno un colpo degno del miglior ladro da appartamenti. Con studio dei dettagli e precisa organizzazione, i cinque si erano introdotti nell’abitazione di un noto personaggio televisivo residente nel milanese, calandosi dal tetto fino all’interno dell’appartamento, impossessandosi di gioielli e altri oggetti per un valore di oltre 150.000 euro. Nel colpo però c’era qualche falla tanto che in poco tempo gli autori del furto erano stati tutti identificati dalla Questura di Milano e assicurati alla giustizia. Tra questi, il giovane di 27 anni già noto alle forze dell’ordine con altre generalità e precedenti per furto in abitazione, tentata rapina, violazione di domicilio.

Condotto in carcere, sei mesi fa gli erano stati concessi gli arresti domiciliari a Busto Arsizio con il divieto di avere contatti con persone diverse dai conviventi ea soprattutto con pregiudicati.

Proprio durante uno dei controlli effettuati dagli agenti del Commissariato di P.S. di Busto Arsizio al fine di verificare, oltre alla presenza dell’arrestato nell’abitazione il rispetto delle prescrizioni imposte, sono state notate alcune persone in procinto di allontanarsi dallo stabile. Subito gli agenti hanno proceduto ad un controllo più approfondito di queste persone accertando che erano tutte già note alle Forze di Polizia e si stavano allontanando dopo aver fatto visita al ventisettenne.

La segnalazione al Tribunale di Milano, che aveva concesso gli arresti domiciliari, dell’inosservanza del divieto di ricevere visite, ha convinto i Giudici a revocare immediatamente il beneficio dei domiciliari e ordinare il ritorno in carcere del giovane, dove è stato accompagnato dagli agenti del Commissariato che lo hanno arrestato nel pomeriggio di ieri.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...