Cagliari, dopo anni di sofferenza una madre decide di denunciare il figlio

Cagliari, dopo anni di sofferenza una madre decide di denunciare il figlio.

Ha descritto presso la caserma dei Carabinieri i soprusi, le minacce e le violenze di un figlio interessato solo al denaro. Così, dopo una accurata relazione fatta pervenire alla Procura della Repubblica di Cagliari, al pool “Fasce Deboli”, è rapidamente intervenuto un provvedimento che dispone in via cautelare, a carico di quell’uomo, l’allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalle parti lese. I Carabinieri lo hanno notificato ieri all’interessato, un 50enne operaio di Arbus, da loro ben conosciuto. Le vessazioni sistematiche condotte da quell’uomo nei confronti dei genitori sono davvero intollerabili, picchiare e insultare pesantemente la madre, impedirle di andare a fare la spesa, dissanguare le pensioni dei genitori a carico dei quali egli vive, condizionarne ed avvelenarne l’esistenza in accessi di ira, urla quotidiane e minacce. Ora quel figlio terribile dovrà sparire di casa, cercarsi un’altra sistemazione e vivere del proprio lavoro, evitando accuratamente di avvicinare i propri congiunti. I Carabinieri vigileranno su di lui, pronti ad aggiornare la magistratura cagliaritana di ogni possibile, anche minima violazione del provvedimento imposto. In prospettiva potrebbero esserci gli arresti domiciliari e le sbarre di Uta. L’uomo è stato ammonito in tal senso

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...