Milano, il “Milan Urban Food Policy Act” ha un nuovo comitato direttivo, e si aggiunge anche Sidney

Ad oggi sono 216 le città firmatarie nel mondo

Milano, si sono riuniti per la prima volta questa settimana i membri del 3° Comitato Direttivo del MUFPP, annunciati da Giuseppe Sala, Sindaco di Milano e presidente dello Steering Committee. L’organo di governo del Patto, che rimarrà in carica per i prossimi due anni, è stato appena nominato a seguito dell’elezione più partecipata di sempre: oltre 20 le candidature ricevute e più del 50% le città firmatarie votanti.

Il Comitato ha il compito di guidare il MUFPP nel raggiungimento della sua missione (trasformare i sistemi alimentari urbani rendendoli più sostenibili e inclusivi), fornendo una supervisione strategica. Attraverso i Milan Pact Awards (iniziativa del Comune di Milano e Fondazione Cariplo), inoltre, il Comitato Direttivo supporta le città firmatarie nella loro regione, promuovendo la condivisione delle buone pratiche, coinvolgendole in iniziative di cooperazione tra città, supportando a livello regionale e internazionale il ruolo delle città nella trasformazione del sistema alimentare, organizzando webinar ed eventi per arricchire l’intera comunità del Milan Urban Food Policy Pact.

“A cinque anni dalla nascita del Milan Urban Food Policy Pact, che riunisce ora 216 città nel mondo, diamo il benvenuto alle 12 città elette al Comitato direttivo, dichiara la Vicesindaco Anna Scavuzzo – che nel prossimo biennio saranno in prima linea per promuovere politiche alimentari sostenibili. In questi mesi la pandemia ha richiesto alle città uno sforzo straordinario, e un ringraziamento particolare va al Comitato uscente per aver garantito un supporto importante e la condivisione di idee e progetti concreti: la collaborazione e l’alleanza fra le città migliora le politiche pubbliche al servizio dei cittadini”.

Di seguito i nuovi membri del Comitato Direttivo presieduto dal Sindaco di Milano, per gli anni 2021-2023.
– Africa: Antananarivo (Madagascar) e Ouagadougou (Burkina Faso);
– Asia-Pacifico: Bandung (Indonesia) e Seoul (Corea del Sud);
– Europa: Barcellona (Spagna), Birmingham (Regno Unito) e Milano (Italia);
– Eurasia e Asia sud-occidentale: Kazan (Federazione Russa) e Tel Aviv (Israele);
– America settentrionale e centrale: Mérida (Messico) e New Haven (Stati Uniti);
– Sud America: Belo Horizonte (Brasile) e Rosario (Argentina).

Le buone pratiche in tema di cibo promosse dalle città durante il Covid-19 sono disponibili sul canale YouTube del Patto.

Nell’ambito di azioni di promozione di politiche urbane sostenibili, il Comune di Milano e l’associazione Italia ASEAN hanno promosso il 13 aprile un webinar con le città di Bandung e Seoul (neo elette) e la Commissione Europea con numerose città dell’Asia Pacifico, interessate a entrare a far parte del Patto e a contribuire alla trasformazione dei sistemi alimentari. L’impegno condiviso è quello di concorrere a raggiungere entro il 2030 gli SDGs, gli obiettivi di sviluppo sostenibile promossi dall’ONU. Durante il webinar la città di Sydney (Australia) ha annunciato il proprio ingresso nel Patto e presto entrerà anche la città di Wellington (Nuova Zelanda).


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...