Arriva Starbucks a Milano e trasforma Piazza Duomo in una foresta tropicale

52

Milano 23 gennaio 2017 – Il cuore di Milano sta per cambiare look grazie al bando di sponsorizzazione lanciato dall’Amministrazione Comunale e vinto dalla società Starbucks.

La più grande catena statunitense della caffetteria si appresta a portare il “verde” nel salotto buono della città meneghina e ad aprirvi il primo negozio. Dopo i rumors e le smentite che riecheggiavano da tempo, finalmente qualcosa di concreto sta per prendere piede nel cuore di Milano: come annunciava la stessa Starbucks nella nota stampa di febbraio 2016, tutto è pronto per l’entrata nel mercato italiano grazie all’accordo siglato con Percassi, che sarà licenziatario di Starbucks in Italia, proprietario e gestore dei locali.

E se della collocazione commerciale del primo Starbucks milanese (ed italiano) vige ancora il massimo riserbo (si vocifera l’Ex Palazzo delle Poste di Piazza Cordusio ma nulla ancora di ufficiale è stato comunicato a riguardo) qualcosa di concreto arriva sul fronte delle attività promozionali: le aiuole Verdi di Piazza Duomo saranno sostituite da palme, banana e fioriture alternate durante le stagioni, in modo da garantire sempre vivacità e colori.

Il decoro dell’area verde di Piazza Duomo, che è stato curato negli ultimi tre anni da Konica Minolta Business Solutions, già in settimana subirà i primi interventi di trasformazione, gli alberi (24 carpini e dei 9 clerodendri ) infatti verranno trapiantati in altre zone della città già individuate dall’Amministrazione Comunale (in particolare tra via Salomone e parco Galli, e tra via Gonin e via Giordani). Tra un mese invece seguirà la posa a dimora delle nuove palme, dei banani e del sottobosco rosa del neoaffidatario Starbucks. “Siamo molto orgogliosi di regalare alla città di Milano un bellissimo giardino – dichiara il Presidente di Starbucks EMEA Martin Brok.

Il progetto, che ha ricevuto il benestare della Soprintendenza – sottolinea l’assessore al Verde Pierfrancesco Maran -, dimostra come queste forme di collaborazione tra pubblico e privato siano proficue nel trovare soluzioni che rendano più belle e curate le aree verdi della città. Le piante sempreverdi daranno un tocco esotico alla piazza, mentre gli alberi attualmente presenti verranno ripiantati in altre aree di Milano. Ringraziamo sia Starbucks che Konica Minolta Business Solutions Italia, lo sponsor che ha garantito cura e decoro all’area negli ultimi tre anni”.

Nell’area ovest della piazza, filari di palma (nome botanico Trachycarpus fortunei) fissati al terreno con un opportuno sistema di ancoraggio (Tutor Sikur System) si alterneranno a quelli di banano (Musa ensete), creando uno scenografico gioco di vegetazione di grandi foglie sempreverdi. Saranno inoltre piantati arbusti, graminacee e piante perenni con fioriture alternate durante le stagioni in varie tonalità di rosa: in primavera avremo un tappeto di bergenia, durante l’estate i grandi fiori di ortensia in varietà ‘Vanille Fraise’ e di ibisco, in autunno le infiorescenze delle canne giganti cinesi (Miscanthus floridulus). Un tappeto di ghiaia scura infine esalterà per contrasto il sistema del verde, che sarà alimentato da un impianto di irrigazione automatica.

L’installazione, che ornerà la piazza per tre anni, è opera del lavoro dell’architetto milanese Marco Bay, laureato presso il Politecnico di Milano e già autore del giardino per lo spazio museale dell’Hangar Bicocca e delle aree verdi per le sedi della Deutsche Bank in zona Bicocca e della “Serenissima” in via Turati.

Articolo di Settimio Martire


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...