Vigevano, la Polizia segnala all’Autorità Giudiziaria quattro giovani per rapina aggravata

Vigevano, ieri pomeriggio, gli operatori dell’ufficio Anticrimine/Investigativo del Commissariato della Polizia di Stato di Vigevano hanno concluso una serrata indagine che ha portato all’identificazione, all’acquisizione di prove, al recupero della refurtiva e alla conseguente denuncia di quattro giovani, dell’età compresa tra i 17 e i 18 anni tra essi vi è un minorenne, residenti a Vigevano, resisi responsabili di rapina aggravata nei confronti di due ragazzi uno di 21 e l’altro di 16 anni, anch’essi di Vigevano.
Nel pomeriggio del 18 maggio scorso, la Volante del Commissariato era intervenuta a Vigevano, nelle campagne di Strada della Zingara, perché due giovani erano stati appena rapinati dei loro smartphone e del denaro che avevano con loro, da parte di quattro giovani col volto parzialmente travisato che li avevano minacciati con delle roncole. Dopo averli rapinati, gli autori del fatto, allontanandosi dal luogo, si impossessavano anche della bicicletta di una delle due vittime.
Le indagini si sono da subito concentrate sulla descrizione fisica dei rapinatori fornita dalle parti offese e sul sospetto che uno di essi potesse essere un ragazzo già visto a Vigevano dalle vittime, del quale conoscevano il nome e ne avevano riconosciuto la voce oltre che l’aspetto.
Gli operatori, approfondendo le frequentazioni del sospettato e svolgendo attività info-investigative in seno ai gruppi di ragazzi che potevano conoscere le compagnie del predetto, hanno indirizzato gli obiettivi proprio nei confronti di tre amici del primo giovane indicato dalle vittime. Avendo sentito che la polizia si stava interessando a lui, uno dei tre ragazzi individuati, nei giorni seguenti la rapina, si è presentato in Commissariato accompagnato dal padre, rilasciando spontanee dichiarazioni circa le modalità in cui era stata commessa la rapina, ammettendo le proprie responsabilità in merito ad essa. L’atto di contrizione del giovane, ha suscitato analoghi sentimenti nei confronti degli altri autori del fatto, infatti, anche gli altri tre, tra cui il primo sospettato, si sono, nel corso delle ore e dei giorni seguenti, presentati dalla polizia, alcuni accompagnati dai genitori, dichiarando di avere compiuto l’atto, facendo ritrovare le roncole che avevano getto in un campo nelle vicinanze del luogo della rapina – usate per minacciare le vittime, oltre che fornire informazioni grazie alle quali, i poliziotti sono stati in grado di recuperare tempestivamente gli smartphone rubati mentre stavano per essere venduti.
I quattro giovani sono stati segnalati all’A.G. per rapina aggravata e due di essi anche per porto abusivo di oggetti atti ad offendere.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...