Vicenza, Erp, altri 12 alloggi riqualificati grazie ad un contributo europeo Por-Fesr di 660 mila euro

Entro il 2022 sarà completato il recupero di 44 appartamenti per complessivi 2 milioni e 600 mila euro di finanziamento

Vicenza, si sono conclusi i lavori di recupero funzionale ed efficientamento energetico di 12 alloggi erp. Nell’ambito della Strategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile (SISUS) dell’Area Urbana di Vicenza del Programma Operativo Regionale Fesr 2014 – 2020 del Veneto sono stati, infatti, finanziati alcuni interventi di riqualificazione dell’edilizia residenziale pubblica con un contributo di 660 mila euro.

A darne l’annuncio questa mattina, in occasione di un sopralluogo nell’alloggio di stradella Retrone, sono il vicesindaco con delega ai lavori pubblici Matteo Celebron e l’assessore al patrimonio Roberta Albiero.

“Con la riqualificazione di questi 12 alloggi di edilizia residenziale pubblica – afferma l’assessore ai lavori pubblici Matteo Celebron – perseguiamo l’obiettivo di dare una casa a chi ne ha necessità e procediamo in modo importante nella strada della riqualificazione del patrimonio pubblico del Comune. Grazie ai lavori di recupero ed efficientamento eseguiti, tutti gli alloggi guadagnano infatti due classi energetiche. Il fatto inoltre che siano inseriti in un contesto cittadino e non di periferia è un forte segnale che l’amministrazione vuole dare per sottolineare l’importanza dell’inclusione sociale. Ringrazio i tecnici del servizio Lavori pubblici e del Patrimonio per il loro impegno, di fondamentale importanza per il pieno utilizzo del finanziamento europeo Por-Fesr ottenuto grazie alla significativa attività dell’Ufficio politiche comunitarie”.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Quello di oggi – continua l’assessore al patrimonio Roberta Albiero – è il primo completamento di una nuova serie di lavori che riguardano l’Erp. L’edilizia residenziale pubblica è un’attività trasversale, che coinvolge diversi settori comunali: Patrimonio a cui fa capo il coordinamento, i Lavori pubblici per l’esecuzione della progettazione appalto dei lavori, l’Ufficio per le politiche comunitarie, che ha il compito di intercettare i finanziamenti comunitari e regionali, i Servizi sociali per l’assegnazione ed infine Amcps per la gestione amministrativa. Questa gestione integrata è fondamentale non solo per l’ammodernamento delle unità immobiliari, ma soprattutto per poter agire con una pianificazione efficiente e a lungo termine. Con il nuovo contratto di gestione con Amcps è stato inoltre creato un archivio informatico degli immobili, per la condivisione sia dei dati tecnici, sia dello stato di manutenzione per arrivare alla costituzione del Fascicolo del Fabbricato, ossia una scheda digitale su ogni unità, per conoscere in tempo reale lo stato di conservazione immobiliare e pianificare gli interventi edilizi e poi procedere con l’assegnazione agli inquilini in graduatoria”.

Ad essere interessati dai lavori sono stati due alloggi in strada di Polegge, quattro in via Bertolo, e altri sei ubicati in via Lago di Toblino, via Medici, via Palestro, via Schiavo, stradella Retrone e viale Fiume.

Gli appartamenti, le cui dimensioni vanno da 45 a 85 metri quadrati, saranno disponibili a partire da fine aprile.

progetti e i lavori sono stati curati dal servizio Lavori pubblici.

Contributi SISUS Por Fesr 2014-2020

Entro il 2022 saranno complessivamente 44 gli alloggi erp riqualificati grazie ad un finanziamento complessivo Por Fesr di oltre 2.600.000 euro.

I primi ad essere stati oggetto di intervento sono state 17 unità abitative mediante un contributo di 970 mila euro. Gli appartamenti, i cui lavori sono terminati a fine 2018, sono già stati assegnati ad altrettanti aventi diritto.

Una seconda tranche di interventi, con un contributo di 660 mila euro, ha riguardato, quindi, 12 alloggi i cui lavori sono terminati nei giorni scorsi.

Infine, con un finanziamento di oltre 1 milione di euro, saranno riqualificati altri 15 alloggi, i cui lavori si concluderanno entro il 2022.

I 44 alloggi si trovano in vari quartieri della città, dalla Riviera Berica al centro storico, da Saviabona a Polegge. Per ogni unità abitativa l’intervento consentirà il passaggio ad almeno due classi energetiche superiori.

Il recupero di alloggi ubicati in diversi quartieri e zone della città è stato realizzato con la finalità di evitare fenomeni di ghettizzazione.

Come previsto dalla Strategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile, l’intervento contribuisce all’obiettivo di costruire un territorio solidale, non concentrando in un’unica area le situazioni di disagio, ma rispettando la storia urbanistica dell’area urbana che vede la prossimità tra zone residenziali e zone Erp, con l’obiettivo di favorire processi inclusivi e di mutuo aiuto.

Informazioni sulla Strategia Integrata di Sviluppo Urbano Sostenibile dell’Area Urbana di Vicenza del Programma Operativo Regionale Fesr 2014 – 2020 sono disponibili sul sito del Comune.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...