Vicenza, conclusi i lavori di restauro e pulizia del complesso di Porta Santa Croce

Il vicesindaco Celebron: “Nel 2022 intervento di 100 mila euro per consolidare la struttura”

Vicenza, non si ferma l’opera di consolidamento e restauro del complesso di porta Santa Croce a Vicenza. Dopo la conclusione nei giorni scorsi dei lavori che hanno interessato le facciate del lato nord-ovest, l’amministrazione mette in campo altri 100 mila euro per alcuni interventi strutturali e di carattere conservativo che riguarderanno questa volta la parte interna della torre e che prenderanno il via nella primavera 2022.

I lavori sono stati illustrati oggi dal sindaco Francesco Rucco e dal vicesindaco con delega ai lavori pubblici Matteo Celebron in occasione di un sopralluogo a porta Santa Croce.

“Siamo riusciti a restituire ai cittadini prima di Natale la porta di accesso a nord ovest della città finalmente riqualificata – ha dichiarato il sindaco Francesco Rucco –. I lavori di consolidamento dell’importante manufatto hanno preso il via, infatti, nel 2009. Appena insediati abbiamo proceduto al recupero dei corpi ottocenteschi annessi, sia della porzione interna della porta sia delle facciate interna ed esterna: era l’ultimo intervento mancante per far tornare la porta in tutta la sua magnificenza. Dalla prossima primavera, quindi, procederemo con il consolidamento puntuale delle murature all’interno della struttura”.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

“Si tratta di un investimento importante per questa amministrazione che, però, ci ha permesso di tornare a far risplendere porta Santa Croce in tutta la sua bellezza – ha spiegato il vicesindaco con delega ai lavori pubblici Matteo Celebron –. In sinergia con l’assessorato alle infrastrutture abbiamo da poco riasfaltato questo tratto di strada riqualificando totalmente il manufatto. Altri 100 mila euro saranno stanziati nel 2022 per riconsolidare internamente la struttura e renderla così funzionale. Inoltre, nell’ambito del progetto di illuminazione portato avanti dall’assessorato guidato da Mattia Ierardi, installeremo dei punti luce per valorizzare la struttura. È un obiettivo che ci eravamo prefissati all’inizio del nostro mandato per riqualificare una delle più imponenti porte di accesso al centro storico cittadino”.

Il progetto definitivo dell’operazione all’interno del complesso, approvato nei giorni scorsi dalla giunta, prevede il consolidamento puntuale delle murature, con un intervento “cuci-scuci”, soprattutto all’interno dei locali della torre ai piani terra, primo, secondo e terzo.

L’intervento ha carattere conservativo ed è finalizzato a restituire alla città l’immagine storica del monumento. Nel corso degli anni infatti si è operato per stralci successivi, a partire dal progetto generale che ottenne il parere positivo della Soprintendenza.

Gli ultimi lavori di consolidamento e restauro, realizzati tra luglio e dicembre di quest’anno, hanno riguardato le facciate del lato nord-ovest per una spesa di 134 mila euro più Iva, sostenuta con un finanziamento statale.

Nel dettaglio, sono stati rimossi gli intonaci, le vernici improprie e la vegetazione infestante. Sono stati eseguiti il risanamento e restauro del paramento murario con integrazione delle parti mancanti, consolidamento dei punti soggetti a fessurazioni e stuccatura degli elementi lapidei. È stato inoltre rifatto il manto in coppi, in modo da restituire al monumento stesso l’antico decoro.

Lo scorso gennaio si è concluso invece l’intervento di riqualificazione dei corpi secondari ottocenteschi annessi alla porta sul lato nord-est, che ha visto il consolidamento statico delle pareti e la ricostruzione della copertura dei due fabbricati, per una spesa complessiva di 185 mila euro.

A seguire gli interventi è il servizio Manutenzioni, prevenzione e sicurezza del Comune di Vicenza.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...