Vicenza, Biblioteca Bertoliana, completata l’inventariazione dell’archivio della famiglia Gualdo

Un ricco carteggio testimonia i rapporti tra l'ambasciatore Galeazzo Gualdo Priorato e i monarchi europei del Seiento, tra i quali "brilla" il Re Sole

Vicenza, la Biblioteca civica Bertoliana ha completato l’inventariazione dell’archivio della famiglia Gualdo. Tra i numerosi documenti presenti, un totale di 675 unità archivistiche, accoglie anche un ricco carteggio che testimonia i rapporti tra l’ambasciatore Galeazzo Gualdo Priorato e i monarchi europei del Seicento, tra i quali “brilla” il Re Sole.
La serie più significativa e consistente dell’archivio, costituita da 394 fascicoli, è invece la Collezione di leggi venete.

L’archivio della famiglia Gualdo è stato trasferito in Biblioteca Bertoliana nel 2016 dal Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza per poter garantire l’inventariazione e la valorizzazione delle carte nel contesto del ricco patrimonio degli archivi familiari presenti nella civica vicentina.

Il fondo venne presumibilmente organizzato da Aicardo Gualdo, vissuto nella seconda metà dell’Ottocento e già donatore alla Bertoliana nel 1884 di una collezione di documenti relativi a fatti risorgimentali o patriottici dell’epoca del 1848.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Notevole, seppur limitata a undici fascicoli, è la serie dedicata alla corrispondenza diretta o riguardante Galeazzo Gualdo Priorato (1606-1678) che, nelle vesti di ambasciatore, ricevette missive dai monarchi e dai personaggi più influenti della sua epoca. Si conservano infatti lettere firmate da Luigi XIV di Francia, il “Re Sole”, Cristina Alessandra di Svezia, Leopoldo I d’Asburgo, Federico III re di Danimarca e Norvegia, Ferdinando II de Medici, Giovanni II Casimiro di Polonia, Carlo II e Maria Gonzaga, Francesco e Alfonso d’Este. Di grande valore è la pergamena del 1532 con il privilegio concesso dall’imperatore Carlo V a Stefano Gualdo, al padre Francesco, ai suoi fratelli maschi Giuseppe, Galeazzo e Nicola, oltre che a tutti i suoi discendenti di legittimo matrimonio.

La serie più significativa e consistente dell’archivio, costituita da 394 fascicoli, è invece la Collezione di leggi venete. È composta da una raccolta di atti, ordini, parti, terminazioni, proclami a stampa o trascrizioni manoscritte delle stesse, datati dal XV fino, in alcuni casi, al XIX secolo. I documenti sono una ricca testimonianza della legislazione prodotta nel territorio veneto (principalmente vicentino ma anche limitrofi), nei secoli XVII e XVIII, su alcuni specifici argomenti e materie. Gli atti sono stati aggregati già in origine per temi, con propria titolazione (relativa alla materia oggetto della legge) e datazione.

L’inventario dell’archivio è consultabile online sul portale degli archivi della Bertoliana a questo link nella sezione degli Archivi di famiglia. Nel portale è stata pubblicata anche una gallery fotografica con la riproduzione dei documenti più significativi e curiosi.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...