fbpx
CAMBIA LINGUA

Via alla missione navale nel Mar Rosso: cosa prevede “Aspides”

L'Italia avrà il comando delle forze, il cacciatorpediniere Duilio sarà il quartier generale

Via alla missione navale nel Mar Rosso: cosa prevede “Aspides”.

Il Consiglio Affari Esteri Ue ha approvato ieri il lancio dell’operazione militare navale Aspides, di cui l’Italia avrà comando delle forze.

Lo ha reso noto il ministro degli Esteri Antonio Tajani: «L’Italia è in prima linea per proteggere gli interessi mercantili e la libera navigazione nel Mar Rosso. È un importante passo verso la difesa comune europea».

Fonti diplomatiche hanno fatto sapere che l’Italia affiancherà al ruolo di impulso che ha svolto sotto il profilo politico per il lancio dell’Operazione un importante ruolo operativo: offrirà il comandante della Forza – il contrammiraglio Costantino – e il quartier generale della Forza, che sarà installato a bordo di un cacciatorpediniere.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

In particolare, secondo quanto si apprende, sarà il Carlo Duilio ad ospitare il quartier generale della nuova missione europea. Il cacciatorpediniere della Marina Militare, infatti, si trova già nella zona da inizio mese, da quando cioè ha effettuato il passaggio di consegne con la fregata Federico Martinengo per assicurare la vigilanza marittima e la protezione dei mercantili in transito nell’area.

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha accolto con favore la decisione di avviare l’operazione Aspides della forza navale dell’Ue: «L’Europa – spiega – garantirà la libertà di navigazione nel Mar Rosso, lavorando a fianco dei nostri partner internazionali. Al di là della risposta alle crisi, si tratta di un passo avanti verso una più forte presenza europea in mare per proteggere i nostri interessi europei».

Commentando il via libera alla missione europea, il ministro della Difesa, Giulio Crosetto, ha parlato di «una risposta necessaria alla guerra ibrida che gli Houti stanno portando avanti nello stretto di Bab el-Mandeb, tagliando le vie di comunicazione che alimentano numerosi Paesi, tra i quali il nostro, incidendo sulle loro economie e creando uno svantaggio competitivo per l’Occidente a vantaggio di altre nazioni, le cui navi non vengono attaccate».

Via alla missione navale nel Mar Rosso cosa prevede “Aspides”

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×