Varato il nuovo regolamento del verde per difendere il patrimonio cittadino

24

E’ stato varato dalla Giunta il Nuovo Regolamento d’Uso e Tutela del Verde Pubblico e Privato: piccole integrazioni o semplificazioni che accolgono alcune indicazioni del Consiglio comunale della precedente Amministrazione ma che non modificano nei contenuti il testo presentato un anno fa.

Il regolamento contiene molti elementi innovativi per la tutela del verde pubblico e privato e deriva dal lungo e proficuo confronto fatto durante la scorsa legislatura con Municipi, settori dell’Amministrazione comunale, associazioni, ordini professionali, enti competenti in materia” – sottolinea l’assessore al Verde Pierfrancesco Maran.

Tra le integrazioni o precisazioni apportate, anche in accoglimento degli emendamenti presentati dal Consiglio  comunale nella scorsa Amministrazione, il divieto di “bivaccare” nelle aree verdi, la possibilità di utilizzare le aree attrezzate per lo sport in prossimità delle abitazioni fino al massimo alle 20 (e non più le 21) nel periodo autunno-inverno, il divieto di introdurre animali in aree di primaria funzione ornamentale (aiuole, rotatorie etc), la “fauna presente” tra gli elementi da prendere in considerazione nel valutare l’opportunità di nuove piantumazioni in una determinata località, l’obbligo di segnalare eventuali insediamenti o discariche abusive in prossimità di aree agricole. Semplificato inoltre il capitolo relativo alle sanzioni, con l’accorpamento di voci riconducibili alla stessa tipologia di infrazione.

Invariato l’obiettivo del Regolamento, ovvero la difesa del verde cittadino, sia privato che pubblico, considerato come un “bene comune”. Sempre 60 gli articoli di cui si compone il testo che dovrà essere approvato dal Consiglio comunale, suddivisi in 7 aree di intervento:

Norme generali, Coinvolgimento del cittadino nella gestione del verde pubblico e delle aree private, Tutela delle aree verdi pubbliche, Attività nelle aree verdi pubbliche, Tutela delle aree verdi e degli alberi di pregio storico, architettonico e ambientale nelle aree pubbliche e private, Interventi sul verde nelle aree pubbliche e private, Progettazione di aree verdi pubbliche e private.

Articolo di Cecilia Canzian

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...