fbpx

Trattori, il fronte si spacca tra pro e contro il governo

Il leader Danilo Calvani: «La protesta andrà avanti»

Trattori, il fronte si spacca tra pro e contro il governo.

«L’incontro al ministero di ieri è andato male, siamo usciti solo con delle promesse. Il presidio di via Nomentana quindi resta, anzi lo rafforzeremo. Sono in arrivo altri mezzi. Arriveremo a mille trattori». A dirlo Andrea Papa, uno dei portavoce di Riscatto agricolo.

«Lollobrigida ieri è venuto qui senza essere invitato – prosegue – al suo arrivo è stato anche fischiato». Ma il fronte non è compatto. Tra gli agricoltori che appoggiano la protesta del movimento c’è chi la vede diversamente. «Secondo me è stato un confronto costruttivo – spiega Roberto Rosati il ministro ha promesso che la porta per noi resta sempre aperta».

Da parte sua il ministro Lollobrigida ha detto: «Ho trovato tutta gente che aveva chiarissimo che il nostro governo è al loro fianco. Si tratta di persone che arrivano a fare 10 ore di percorso a 40 all’ora su un trattore da Pescara a Roma. Per spingerli fino a lì significa che l’esasperazione è forte e quindi vogliono vedere fatti concreti».

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Intanto la manifestazione del “Cra agricoltori traditi”, altro fronte della protesta degli agricoltori, sarà giovedì alle 15 al Circo Massimo di Roma, dove è prevista la presenza di 20mila agricoltori. Lo ha annunciato il leader Danilo Calvani. «Un gruppo di nostri trattori partirà in corteo dal presidio di Cecchina e arriverà nel cuore della città, fino a Circo Massimo. Dovrebbero essere una quindicina di mezzi scortati dalle forze dell’ordine», ha detto. Quella di giovedì «sarà solo la prima delle nostre manifestazioni. La protesta andrà avanti», ha aggiunto Calvani.

Continua anche il dibattito politico. “La Lega non starà mai con chi vuole affossare il mondo agricolo. Mentre infatti c’era chi in Europa sceglieva di appoggiare una Commissione Ue disastrosa, responsabile delle folli politiche finto-green che mettono in ginocchio settori fondamentali, imprese, lavoratori e famiglie, la Lega non ha mai avuto dubbi e fin dall’inizio ha difeso gli interessi di agricoltori, pescatori e produttori italiani”. Così una nota del Carroccio.

Trattori, il fronte si spacca tra pro e contro il governo

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×