Torino, tari, definite le scadenze 2021 e nuove agevolazioni per i centri culturali

Con una deliberazione proposta dall’assessore al Bilancio Sergio Rolando, approvata il 22 marzo 2021 dal Consiglio Comunale di Torino all’unanimità (37 voti favorevoli su 37 consiglieri presenti), sono state definite le scadenze per il pagamento della tassa rifiuti (Tari) nel 2021.

Per le utenze domestiche, l’importo viene riscosso in quattro rate, di cui tre in acconto (il 55% della tariffa 2020) e una a saldo. Le scadenze per l’acconto sono: venerdì 30 aprile, lunedì 31 maggio, mercoledì 30 giugno. È possibile versare l’acconto in un’unica soluzione, con scadenza lunedì 31 maggio. Scadenza saldo: venerdì 10 dicembre.

Per le utenze non domestiche, l’importo viene riscosso in tre rate, di cui due in acconto (l’85% della tariffa 2020) e una a saldo. Le scadenze per l’acconto sono: sabato 15 maggio, giovedì 15 luglio. È possibile versare l’acconto in un’unica soluzione, con scadenza martedì 15 giugno. Scadenza saldo: giovedì 16 dicembre. L’emissione dell’acconto è esclusa per quelle utenze non domestiche che nel corso del 2020 hanno beneficiato dell’agevolazione per cantieri di opere pubbliche in misura pari o superiore al 50%, i cui lavori proseguono nel 2021.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Pur demandando la determinazione delle tariffe Tari 2021 a un atto successivo, il provvedimento conferma in sede di acconto le agevolazioni per i cantieri di opere pubbliche (nuovo collegamento ferroviario Torino/Ceres e abbattimento cavalcavia, per una perdita di gettito Tari pari a circa 450mila euro), per i nuclei familiari numerosi (per nuclei superiori a 4 componenti e con abitazione di metratura inferiore a 80 metri quadrati, per una perdita di gettito Tari pari a circa 230mila euro) e per le categorie particolarmente colpite dalla crisi economica causata dalle chiusure forzate e dalle limitazioni imposte sia a livello nazionale che a livello locale per contener la pandemia di Covid-19. Per queste ultime, oltre ai 7 milioni di euro già deliberati per il 2020, vengono riconosciute ulteriori agevolazioni Tari pari a 6,4 milioni di euro.

Con la deliberazione è stata approvata (22 voti favorevoli, 4 astenuti) anche una mozione di accompagnamento proposta da Federico Mensio (M5S) che impegna Sindaca e Giunta a utilizzare la parte dell’utile di esercizio del bilancio 2020 della società Amiat S.pA. di spettanza della Città per ridurre percentualmente la parte variabile della Tari dell’anno 2020, fino ad arrivare all’azzeramento della stessa, per le attività afferenti alle categorie Tari 21.1 e 32 (locali gestiti da associazioni), nella o nelle quote a saldo della tariffa 2021.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...