Regione Lombardia, Scuola: 600.000 euro per dpi e gel in Istituti formazione professionale

Milano, 29 Settembre 2020 – La Regione Lombardia ha stanziato 600.000 per l’acquisto di dispositivi di mascherine e del gel disinfettante da destinare agli studenti degli Istituti di Istruzione e di Formazione professionale (Iefp e Its)

“In attesa di una risposta del Governo – ha spiegato l’assessore regionale all’istruzione, Formazione e Lavoro – abbiamo deciso di anticipare una tranche di 600.000 euro. Il ministero dell’Istruzione, infatti, pare non abbia contemplato gli studenti della Formazione professionale regionale tra i destinatari delle mascherine e del gel disinfettante che sono stati inviati, invece, alle altre scuole”.

Disponibilità a collaborare, ma finora nessuna risposta

“Come Regione – ha proseguito l’assessore – abbiamo anche manifestato la nostra disponibilità a collaborare nella distribuzione del materiale. Tuttavia, nonostante i numerosi solleciti al ministroe al commissario Arcuri ancora non abbiamo ricevuto alcuna risposta”.

 

Ragazzi della formazione professionale considerati studenti di serie B

“L’anno scolastico è dunque iniziato – ha commentato – all’insegna di una incomprensibile discriminazione che vede i ragazzi dei corsi di formazione professionale trattati come studenti di serie B”.

 

Segnale concreto di attenzione a ragazzi, famiglie e Enti accreditati

“Con questo primo contributo di 600.000 euro – ha commentato l’assessore – abbiamo voluto dare un segnale ai ragazzi, alle famiglie e anche agli Enti accreditati che gestiscono questi servizi e stanno sostenendo spese impreviste e particolarmente onerosa”.

 

Da Regione, un aiuto a rispettare le norme di sicurezza anti-Covid

“La cifra serve per fronteggiare le maggiori spese sostenute – ha detto l’assessore – per garantire il rispetto delle norme di sicurezza, il distanziamento interpersonale e la prevenzione del contagio da Covid-19. Il contributo minimo che garantiamo a ogni sede accreditata è di 600 euro. Invece le restanti risorse verranno distribuite in proporzione al numero degli studenti iscritti nei vari centri”.

 

Primo intervento: “Ci auguriamo che Governo dia almeno risposta”

“Si tratta di un primo intervento – ha concluso la titolare della delega all’Istruzione, Formazione e Lavoro in Giunta regionale – e ci auguriamo che presto dal Governo giungano risposte e risorse per sanare l’ennesimo problema. Viceversa, se il ministro Azzolina intende continuare in questa logica discriminatoria le chiediamo almeno la cortesia di farcelo sapere per poterci organizzare in autonomia”.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...