Piacenza, da oggi al nido in presenza, a rotazione, circa 120 bambini

L’assessore Sgorbati: “Garantito il principio di inclusione sociale e un servizio essenziale per tante famiglie”

Piacenza, Sono circa 120, i bambini iscritti ai nidi d’infanzia comunali e convenzionati che a partire da oggi, lunedì 22 marzo, possono riprendere a frequentare in presenza – a rotazione, con le proprie educatrici di riferimento e in linea con le rispettive sezioni “bolla” – insieme ai compagni che necessitano di una figura di sostegno. Una misura già in atto da mercoledì 17 marzo per la Sezione Infanzia (3-6 anni) del Polo Edugate di via Sbolli, a diretta gestione comunale, da questa settimana estesa ai sei nidi comunali più uno convenzionato.

“A consentirlo – spiega l’assessore ai Servizi Educativi Federica Sgorbati – è il Dpcm del 12 marzo scorso, mirato proprio a garantire il principio dell’inclusione che significa, tra i banchi di scuola come nelle strutture che accolgono i più piccoli, far sì che bambini e ragazzi con bisogni speciali non siano soli in aula, ma possano essere affiancati, a turno, da gruppetti di compagni”.

Per ragioni organizzative, tutti i bambini coinvolti nella frequenza a rotazione saranno convogliati presso il nido Arcobaleno di via Penitenti, peraltro recentemente oggetto di riqualificazione, che dispone degli spazi più ampi tra i nidi comunali. “Saranno ovviamente mantenute con il massimo rigore – sottolinea l’assessore Sgorbati – le suddivisioni in base ai nidi di appartenenza e alle sezioni dei singoli bambini. Da oggi, inoltre, rientrano anche i piccoli della fascia 1-3 anni d’età del Servizio Edugate, affiancandosi ai compagni della Sezione Infanzia che sono rientrati, appunto, già da qualche giorno”.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

“Ringrazio gli uffici dei Servizi Educativi comunali – conclude Federica Sgorbati – per il tempestivo lavoro di riorganizzazione, che con immediatezza ha consentito di fornire alle famiglie un supporto fondamentale, riammettendo in presenza così tanti bambini. Ricordo, però, che questo è possibile solo laddove vi siano alunni con esigenze di sostegno educativo, perché questo è il criterio fondamentale cui si ispirano le direttive ministeriali, rispetto alle quali non possiamo derogare. L’auspicio è che al più presto si possano riaprire a tutti, senza distinzioni, le porte delle scuole di ogni ordine e grado; nel frattempo, per le realtà a diretta gestione comunale o convenzionate stiamo facendo e continueremo a fare tutto il possibile”.pia


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...