fbpx
CAMBIA LINGUA

Pesaro: questa mattina approvato in Giunta, l’accordo che rientra nell’attuazione della strategia nazionale di digitalizzazione del patrimonio culturale previsto dal PNRR

L'obiettivo è quello di creare un ecosistema digitale della cultura.

Pesaro: questa mattina approvato in Giunta, l’accordo che rientra nell’attuazione della strategia nazionale di digitalizzazione del patrimonio culturale previsto dal PNRR.

Per Pesaro 2024 la cultura è sempre più digitale.

Questa mattina è stato approvato in Giunta lo schema di convenzione tra il Comune e la Regione Marche nell’ambito del progetto di digitalizzazione previsto dalla Misura PNRR M1C3-1.1.5, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza del Ministero della Cultura. In particolare, la Missione 1 – Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura, Componente 3 – Cultura 4.0 (M1C3), Misura 1 “patrimonio culturale per la prossima generazione”, prevede l’investimento 1.1. “Digital Strategy and Platforms for Cultural Heritage” per l’attuazione della strategia nazionale di digitalizzazione del patrimonio culturale, con l’obiettivo di creare un ecosistema digitale della cultura, basato su un insieme coordinato di infrastrutture e piattaforme per la creazione e gestione di servizi di produzione, raccolta, conservazione, distribuzione e fruizione di risorse culturali digitali.

La convenzione tra il Comune di Pesaro e la Regione Marche rappresenta lo strumento di attuazione del Sub-Investimento 1.1.5 – Digitalizzazione – di cui la Regione è uno dei soggetti attuatori – finalizzato alla digitalizzazione delle collezioni di musei, archivi e biblioteche e luoghi di cultura, per aumentare le risorse culturali digitali disponibili nelle piattaforme e moltiplicare l’informazione digitale.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Per il Comune di Pesaro – uno degli 8 Comuni capofila – la digitalizzazione riguarderà il doppio patrimonio cartaceo e museale con l’individuazione di due centri di digitalizzazione territoriale: per la “Categoria carta e archivi fotografici” l’Ente Olivieri-Biblioteca e Musei Oliveriani, per la categoria “Oggetti museali” i Musei Civici. Partito nel 2022, il percorso prevede la scansione digitale ad altissima definizione di una selezione di circa 100mila documenti dell’Ente Olivieri e di 1.700 ca. opere delle raccolte civiche, da concludere entro il 2025.

La selezione dei beni digitalizzabili è stata individuata in base alla direttive regionali anche attraverso un confronto con gli Istituti coinvolti: per i patrimoni documentali si è considerata la rilevanza, consistenza, catalogazione dei patrimoni bibliografici, in particolare con prevalenza per le collezioni di periodici che andranno a costituire la base della Emeroteca digitale delle Marche e per i fondi manoscritti per la loro unicità; per le opere museali sono state considerate varietà tipologica, consistenza e catalogazione pregressa. Gli elenchi dei beni museali sono stati predisposti dagli uffici comunali della U.O. Beni e Attività Culturali, tenendo presente varietà tipologica, valore storico-artistico, buone condizioni di conservazione, ricostituzione di nuclei collezionistici omogenei, inventariazione, e catalogazione pregressa; le opere selezionate sono catalogate in Pandora database di cura e gestione delle civiche collezioni d’arte, attraverso schede e tracciati compatibili con banca dati regionale SIRPAC e nazionale ICCD.

Sottolinea Daniele Vimini vicesindaco e assessore alla Bellezza del Comune di Pesaro: siamo particolarmente contenti di questa opportunità in cui Pesaro, per tramite anche dell’Ente Olivieri, si fa capofila di un importante progetto regionale di digitalizzazione di cui potranno fruire tantissimi fondi pubblici a partire da quelli dell’Oliveriana oltre che del patrimonio comunale.

La digitalizzazione è un aspetto importante rispetto alla valorizzazione degli archivi e soprattutto nella condivisione delle conoscenze del nostro patrimonio storico artistico, librario e documentale. Siamo felici che questo possa accadere in un anno chiave come quello della Capitale della cultura nel quale raccoglieremo anche la sfida di approfittare della stagione di lavori fondamentali che riguarderanno tanti edifici pubblici a partire da Palazzo Almerici sede della Biblioteca Oliveriana e i Musei Civici, per fare in modo che questo processo di digitalizzazione avvenga non solo in modo centrato da questo punto di vista ma che possa anche essere reso fruibile e partecipato a scopo didattico per raccontare l’importanza dell’operazione.

Conclude Brunella Paolini direttrice di Ente Olivieri – Biblioteca e Musei Oliveriani: abbiamo accolto con particolare favore l’opportunità del progetto regionale di digitalizzazione che comprende parte del nostro patrimonio; in particolare, alcune pubblicazioni periodiche, numerosi manoscritti di Annibale Olivieri e l’intero fondo archivistico del Teatro Rossini, per un totale di circa cento mila immagini. Consideriamo questo lavoro come una naturale valorizzazione delle nostre raccolte che, come già avviene regolarmente anche se non in così grande e concentrate dimensioni, oltrepassa i confini cittadini e può essere interpretato come una delle manifestazioni dei principi di valorizzazione espressi dalla programmazione di Pesaro Capitale italiana della cultura 2024.

Pesaro: questa mattina approvato in Giunta, l'accordo che rientra nell'attuazione della strategia nazionale di digitalizzazione del patrimonio culturale previsto dal PNRR.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×