Pesaro, a Villa Fastiggi la “Cittadella del pallone”: presentato in Giunta il project financing di Mati Group e Vis Pesaro

La Giunta ha dichiarato il “pubblico interesse” del progetto presentato dal raggruppamento delle società, riconosciuto formalmente con la qualifica di “promotore”

Pesaro, una “Cittadella del pallone” giovanile con due nuovi campi di calcio a 11, uno di calcio a 5, due di paddle scoperti e uno al coperto; un’area ristoro, una di gioco e una verde; nuovi spogliatoi, impianti fotovoltaici e tribune riqualificate in ottica sostenibile. Sono i punti chiave della proposta di project financing da 4milioni di euro presentato dall’Associazione temporanea di imprese Mati Group Spa e Vis Pesaro dal 1898 Srl giudicato “fattibile e rispondente all’interesse pubblico” dalla Giunta comunale. Un passaggio chiave, quello di stamattina, che ha anche riconosciuto l’Ati come soggetto “promotore”.

L’Associazione si è infatti costituita per realizzare un complesso sportivo unico, moderno e funzionale a Villa Fastiggi, nell’area di circa 21mila mq che comprende l’attuale centro sportivo: «La città continua a investire sullo sport e sui giovani. Daremo loro uno spazio all’avanguardia per formarsi e crescere a livello agonistico e, allo stesso, consentirà la riqualificazione urbana ed ambientale di un’importante area» dicono il sindaco Matteo Ricci e l’assessore con delega allo Sport Mila Della Dora che indicano anche «la capacità del Comune nell’attrarre investimenti privati».

Il tutto tramite lo strumento finanziario del project financing, «che sarà sostenuto dall’Amministrazione con 1,2 milioni di euro, contributi del bando del Credito Sportivo». La restante parte sarà a carico del privato che si aggiudicherà la gara, a cui l’impianto sarà concesso in gestione per 30 anni.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

L’iter prevede il passaggio del progetto in Consiglio comunale e la pubblicazione dell’avviso di gara. In caso di parità di offerte, il raggruppamento Mati Group Spa e Vis Pesaro potrà esercitare il diritto di prelazione (in quanto soggetto “promotore”).


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...